IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Torna la Festa dell’Albero a Spotorno: nuove piante nel parco Monticello

Quest’anno verrà messo a dimora un albero per ogni plesso scolastico cittadino

Più informazioni su

Spotorno. Torna anche quest’anno, il 30 novembre, la Festa dell’Albero a Spotorno. La Giornata Nazionale degli Alberi dal 2011, con la legge n.10 del Ministero dell’Ambiente che la riconobbe, viene celebrata a fine novembre con l’intento di promuovere le politiche di riduzione delle emissioni, la protezione del suolo, il miglioramento della qualità dell’aria, la valorizzazione delle tradizioni legate all’albero e la vivibilità degli insediamenti urbani.

La Festa degli Alberi (Arbor Day) è nata negli Stati Uniti nel 1872, lo stesso anno in cui venne istituito il primo parco naturale del mondo, quello di Yellowstone. Nella prima edizione furono piantati migliaia di alberi nel Nebraska e in altri stati e nei decenni successivi la festa si è diffusa in numerosi altri paesi del mondo. In Italia è arrivata alla fine dell’Ottocento e, pur con periodi di maggiore o minore fortuna, viene tuttora celebrata e alla luce delle grandi questioni ambientali tende ad assumere significati sempre nuovi e rilevanti. L’essenza della festa, tuttavia, non è cambiata nel tempo, perché il gesto simbolico che ne riassume il senso è, allora come oggi, la piantagione di alberi, coinvolgendo le scuole e, se possibile, tutta la comunità.

Si rinnova quindi l’invito a mettere a dimora nuovi alberi: un’occasione per restituire alla comunità spazi belli e accoglienti, ma anche per compensare la perdita di tanti alberi a causa degli incendi, coinvolgendo bambini, ragazzi, insegnanti, genitori, nonni, volontari e amministratori.

“Il Comune di Spotorno – afferma Gian Luca Giudice con delega all’Educazione Ambientale ­, in collaborazione con Fondazione CIMA, invita gli alunni di tutte le scuole del territorio di Spotorno – Istituto Comprensivo, Micronido Gli Orsetti e Istituto Garrone – al rinnovo della buona pratica di piantare gli alberi. L’iniziativa ­ aperta a tutti i cittadini ­ avrà luogo presso il Parco Monticello di Spotorno il 30 novembre a partire dalle ore 10 con la presenza e collaborazione dell’Associazione AIB, con il Gruppo Sportivo Olimpia Sub e con tutti i volontari che desiderano partecipare. Fondazione CIMA, oltre alla fornitura degli alberi, si occuperà del supporto didattico alla festa dell’albero. Quest’anno verrà messo a dimora un albero per ogni plesso scolastico: micronido gli Orsetti, sezione primavera, scuola dell’Infanzia Berninzoni, asilo Garrone, scuola primaria Pertini e scuola secondaria Giovanni XXIII. Saranno piantumati quindi due ginkgo biloba, due querce rosse e due aceri”.

“Gli alberi, per grandi o piccoli che siano sono custodi tanto silenziosi quanto fondamentali della vita sulla Terra. La loro funzione equilibratrice della biosfera è insostituibile: scambiando con l’atmosfera grandi quantità di energia e umidità, rappresentano una preziosa fonte di ossigeno per tutti noi. Non solo: tra il loro fogliame ospitano più della metà delle specie animali di tutto il pianeta; ci proteggono dalle calamità naturali riducendo l’impatto delle piogge torrenziali sui terreni; contrastano i mutamenti climatici dell’effetto serra incorporando al loro interno l’anidride carbonica, tramutata in preziosa biomassa legnosa, aumentano la fertilità della terra trasformando minerali e sali in sostanza organica vivente; schermano le coltivazioni agricole da venti, parassiti e gelate inaspettate. Contribuire a preservare una foresta, un bosco, un filare, un giardino o anche un singolo albero significa quindi “aprire un conto” naturale cui le generazioni future potranno continuare ad attingere. Ogni gesto di questo tipo rappresenta un piccolo, grande passo verso un’esistenza a impatto zero (che su un pianeta dalle risorse non infinite è una necessità, non un eccentrico lusso). Con comportamenti troppo spesso (anche inconsapevolmente) disinvolti erodiamo sistematicamente l’ecosistema e, di conseguenza, il terreno su cui poggia la vita stessa. Non è troppo tardi per rimediare: abbiamo l’obbligo e la responsabilità di prenderci cura del pianeta che un domani diventerà dei nostri figli. Ecco perché è nostra intenzione come Amministrazione avvicinare i ragazzi delle nostre scuole alle tematiche del rimboschimento e della prevenzione incendi con la Festa dell’Albero” conclude Giudice.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.