IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Solo per Albenga”, il movimento civico ingauno prosegue gli incontri: “Lavoro, sicurezza e acqua pubblica”

Al via gruppo di lavoro per il programma e la scelta dei candidati

Più informazioni su

Albenga. “Stanno continuando gli incontri per definire il gruppo di lavoro che si occuperà del programma elettorale della nostra lista oltre a scegliere i candidati che meglio possono rappresentare tutte le realtà presenti sul territorio”. L’annuncio arriva dal movimento civico “Solo per Albenga”, che prosegue il suo lavoro in vista dell’appuntamento elettorale ingauno del 2019.

“Dobbiamo ammettere che oltre ad avere riscontrato una voglia di partecipazione di persone che mai si sono interessate della vita pubblica amministrativa della nostra città l’unico argomento che davvero ha trovato da parte di tutti l’interesse più grande oltre al lavoro, la sicurezza è l’acqua pubblica”.

“Proprio cosi i cittadini e prossimi candidati della nostra lista civica vogliono unanimemente vedere ciò che è stato votato con l’allora referendum restituendo nuovamente l’acquedotto pubblico al Comune di Albenga o alla società pubblica consortile togliendo di mezzo l’imprenditore privato che da circa 30 anni lo gestisce incassando i proventi delle forniture e le quote della depurazione tra l’altro non perfezionata e con seri problemi di utilizzo del grigliatore realizzato su Viale Che Guevara”.

“Attendiamo con ansia il ripristino del manto stradale in quanto ancora seriamente compromesso e disconnesso dove non sarà sufficiente la scarificazione totale dell’attuale asfalto ma si dovrà intervenire anche sulla base dello stesso, poiché studiando e analizzando voce per voce del computo metrico riguardante le lavorazioni che dovevano essere realizzate ci è venuto qualche dubbio che speriamo possa essere sfiduciato dai fatti anche se la nostra documentazione fotografica delle varie fasi lavorative ci lascia perplessi”.

“Sono finiti i tempi in cui le opere realizzate sotto terra non erano quantificabili provocando arbitrati ancora oggi discutibili”.

“Inoltre tornando nuovamente sulla gestione del servizio idrico integrato, pensate a quanti investimenti si potrebbero realizzare se il comune incassasse direttamente le bollette dell’acqua per poi utilizzare i proventi rifacendo le condotte ammalorate evitando le continue perdite sulla rete che oggi si aggira a circa il 30% dell’acqua immessa in rete”.

“Albenga vuole davvero voltare pagina utilizzando al meglio le risorse disponibili con un unico obbiettivo migliorare la città e creare nuovi posti di lavoro vero allarme dei nostri anni” conclude il movimento civico albenganese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.