IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, in consiglio comunale arriva il “countdown”

Debutta senza intoppi il nuovo sistema di votazione

Più informazioni su

Savona. Saranno state le lunghe arringhe del leghista Giancarlo Bertolazzi, in passato più volte “stoppato” dal presidente del consiglio e compagno di partito Renato Giusto. Sarà stata la necessità di garantire la discussione di tutti i sempre numerosi punti all’ordine del giorno (in questi anni spesso alcuni sono “slittati”: oggi ad esempio si discuteva una mozione addirittura del 16 febbraio). O forse, più semplicemente, sarà stato il desiderio di rinnovare il look del vecchio display per il conteggio dei voti, molto simile a un tabellone segnapunti per il basket. Quale che sia la ragione, oggi pomeriggio in consiglio comunale a Savona ha debuttato il “countdown”.

Un vero e proprio conto alla rovescia, con tanto di “gong” (due note che Giusto ha mostrato di gradire: “E’ simpatico…”) al termine del minutaggio concesso. Il sistema permette non solo di monitorare in tempo reale la lunghezza degli interventi, ma anche di informare le persone nel pubblico su chi è l’autore dell’intervento (il cui nome compare sullo schermo). Mentre in basso, in una striscia del tutto simile a quello delle “ultim’ora” nei canali televisivi, scorre il testo del punto al momento in discussione.

Il “regalo anticipato” di Babbo Natale, costato a spanne circa 60 mila euro, è stato finanziato in gran parte con fondi Por e la sua installazione è stata seguita interamente dal servizio informatico del Comune con il supporto dell’ufficio Lavori Pubblici. Il sistema, prodotto dalla società Dromedian e distribuito da Tim, è in realtà più complesso e coinvolge il sistema di votazione, ora totalmente in tempo reale (il display visualizza i voti mano a mano che vengono espressi), e la ripresa streaming del consiglio mediante telecamere a 360 gradi (oggi ancora in fase di test).

Tutto ha funzionato correttamente, con qualche lamentela di alcuni consiglieri relativa solo alla qualità dell’audio in sala, sia per i microfoni (secondo qualcuno eccessivamente corti e distanti, e quindi non in grado di catturare appieno la voce), sia per l’amplificazione (le casse erano disattivate, e l’audio veniva diffuso dai piccoli altoparlanti posti sui dispositivi dei consiglieri). Difetti di gioventù, probabilmente: alle prossime sedute il responso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.