IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regione Liguria: via libera del consiglio all’istituzione di Aliseo, l’Agenzia ligure per gli studenti

Sarà un punto di riferimento per i giovani che intendono studiare in Liguria e uno “sportello” con funzioni di ascolto 

Regione. Con 18 voti a favore (maggioranza di centro destra, Rete a sinistra&liberamente Liguria e Liguri con Paita), e 12 astenuti (Pd e Movimento5Stelle) è stato approvato il disegno di legge 218 che istituisce Aliseo (Agenzia ligure per gli studenti e l’orientamento) che svolgerà le funzioni attribuitegli dalla legge regionale 15 del 2006 legate al diritto all’istruzione e alla formazione.

L’assessore regionale alla Formazione Ilaria Cavo ha dichiarato: “Con la nascita di Aliseo i giovani vengono posti al centro. L’Agenzia Ligure per lo Studente e l’Orientamento nasce per dare una risposta funzionale e immediata a tutta l’area del diritto allo studio, per garantire servizi e risposte puntuali a tutti gli studenti che hanno diritto a borse di studio, residenze universitarie efficienti, risposte mirate di orientamento per il loro futuro. Con l’evolversi delle normative nazionali solo un ente autonomo, mirato, dotato di gestione amministrativa e finanziaria autonoma puo’ garantire tutto questo”.

Aliseo è una vera e propria “agenzia dello studente”: sarà un punto di riferimento per i giovani che intendono studiare in Liguria,  uno “sportello” con funzioni di ascolto e di riferimento per i ragazzi sui servizi offerti, sugli strumenti messi a disposizione dello studente per l’inserimento e la permanenza nel mondo universitario. In particolare Aliseo svolgerà le funzioni riferite al diritto allo studio e al diritto allo studio universitario (gestione degli alloggi per gli studenti, delle mense, delle borse di studio ecc) e funzioni di orientamento.

L’obiettivo dell’Agenzia è far crescere lo studente con iniziative di integrazione, di mobilità internazionale, di supporto culturale, di assistenza psico-pedagogica, di orientamento al mondo dell’istruzione e di inserimento nel mondo del lavoro. Per attuare questi servizi innovativi il nuovo Ente si dota di una specifica struttura.

Dal punto di vista organizzativo verrà trasferito ad Aliseo il personale che oggi svolge il proprio lavoro presso l’area del diritto allo studio all’interno di Alfa, il personale del servizio orientamento, politiche giovanili e manifestazioni e (previa domanda degli interessati) una quota del personale di staff, che svolge mansioni trasversali (personale, bilancio, gare e contratti) già in servizio presso Alfa.

L’assessore alla formazione e istruzione Ilaria Cavo riferirà nella competente commissione ogni anno sull’attività di Aliseo e sui risultati raggiunti. L’istituzione di Aliseo non comporta oneri aggiuntivi a carico del bilancio regionale.

“Con questo disegno di legge – ha dichiarato Andrea Costa (Liguria Popolare-Noi con L’Italia), presidente della terza commissione su attività produttive, cultura, formazione e lavoro – la Regione riformula il testo della legge regionale istitutiva di Alfa, per dotare la Regione di uno strumento operativo per attuare le politiche regionali in materia di istruzione, formazione, lavoro e accreditamento completando così il processo di riforma avviato con l’unificazione dei due enti strumentali Arssu (con competenze prevalentemente legate al diritto allo studio) e Agenzia Liguria lavoro (con competenze in materia di consulenza e studio sul mercato del lavoro)”.

“Aliseo  è una vera e propria ‘agenzia dello studente’, che sarà un punto di riferimento per i giovani che intendono studiare in Liguria;  un punto di ascolto e di riferimento per i ragazzi sui servizi offerti sugli strumenti messi a disposizione dello studente per superare le difficoltà di inserimento e di permanenza nel mondo universitario. Le finalità del disegno di legge sono, fra le altre, continuare a garantire agli studenti meritevoli e meno abbienti la possibilità di studiare in Liguria. L’obiettivo dell’Agenzia è, dunque, far crescere lo studente con iniziative di integrazione, di mobilità internazionale, di supporto culturale, di assistenza psico-pedagogica, di orientamento al mondo dell’istruzione e dell’inserimento nel mondo del lavoro. Per attuare questi servizi innovativi. Aliseo si dota di una specifica struttura  per il rilancio dell’orientamento e delle politiche giovanili, ritenute strategiche per la Regione”.

Il disegno di legge era stato approvato lo scorso 5 ottobre dalla Giunta regionale con l’obiettivo di dare un’applicazione efficiente alle politiche di diritto allo studio, alle attività di orientamento e alle politiche giovanili. Un’esigenza nata dall’evoluzione delle norme nazionali che, dopo aver portato in capo a Regione Liguria le competenze della formazione prima riferite alle province (per questo motivo era nata Alfa) ha portato di recente in capo alla Regione (e di qui ad Alfa)anche la gestione anche dei centri per l’impiego: “Questa evoluzione normativa ha di fatto spostato il baricentro di Alfa, il cui corebusiness sarà incentrato sulle politiche abbinate di formazione e lavoro (inclusa la gestione dei centri per l’impego) – ha spiegato Cavo in aula – Di qui la necessità di rendere efficace l’operato di Alfa senza penalizzare le attività legate al diritto al diritto allo studio e all’orientamento, che diventeranno le missioni centrali di Aliseo.

Il target di Aliseo è differente da quello di Alfa. Alfa continuerà a occuparsi di chi ha bisogno di formazione professionale e di politiche del lavoro; Aliseo sarà un’agenzia sempre più efficiente e moderna al servizio dello studente, un ente in grado di prendere decisioni veloci con un proprio bilancio autonomo. Alfa continuerà a operare, oltre che con le risorse di funzionamento assegnate da questa legge, anche con i fondi Fse e con i fondi attribuiti ai centri per l’impiego; Aliseo, oltre al fondo di funzionamento assegnato con questa legge, gestirà i fondi delle borse di studio scolastiche e universitarie e della tassa regionale del diritto allo studio universitario. Anche la suddivisione del personale è stata pensata per garantire efficienza e funzionalità a entrambi gli enti. Ringrazio la giunta regionale per il supporto in questa scelta, la maggioranza che lo ha sostenuto con convinzione in una votazione ampiamente favorevole senza neppure un voto contrario”.

Questi i numeri delle attività di diritto allo studio: tremila le borse di studio universitarie erogate (soddisfano il 100 per cento dei richiedenti); mille le borse di studio scolastiche (anche in questo caso soddisfatte tutte le richieste); oltre mille i posti letto ripartiti in 19 residenze universitarie; oltre 400.000 i pasti erogati ogni anno, presso 19 mense, a studenti universitari in tutta la regione.

L’attività di Orientamento, oltre a un progetto nelle scuole, ha portato alla realizzazione del salone Orientamenti, anche quest’anno in crescita con oltre 91mila presenze in tre giorni. “Anche l’Orientamento sarà una funzione fondamentale di Aliseo, su cui vogliamo puntare sempre di più – conclude Cavo – Vogliamo orientare i giovani allo studio, al lavoro, alla società. La funzione di Orientamento, in capo ad Aliseo, sarà l’ideale anello di congiunzione tra i due enti: non si possono orientare i giovani senza guardare al mondo del lavoro e alle esigenze delle imprese”

L’istituzione di Aliseonon comporta oneri aggiuntivi a carico del bilancio regionale, in quanto gli oneri di funzionamento dell’Area del Diritto allo Studio, già presente all’interno di Alfa, sono trasferiti alla nascente agenzia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.