IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Raddoppio ferroviario, assemblea dei Verdi: “Opera necessaria”

La presa di posizione nell'anniversario dei 150 anni del via ai lavori della linea ferroviaria

Ponente. Mentre il tema del raddoppio ferroviario è tornato al centro del dibattito politico, con le difficoltà infrastrutturali per la Liguria, oggi ricorre l’anniversario del via ai lavori per la realizzazione della linea ferroviaria Savona-Ventimiglia: era il 23 novembre 1868, sono passati 150 anni. E il 25 maggio dello stesso anno era già stato attivato il tratto Voltri-Savona.

“Quello che è successo nei trasporti liguri in questo arco di tempo è sotto gli occhi di tutti ed è oggi ben nota la situazione critica della rete stradale e ferroviaria che collega la provincia di Savona al Piemonte e al resto dell’Italia. Una situazione che ha ripercussioni negative su tutta la nostra economia oltre che sull’ambiente in generale” afferma il portavoce provinciale dei Verdi Gabriello Castellazzi.

“Nei giorni scorsi si sono sentite le ennesime promesse sul come realizzare il completamento del raddoppio ferroviario nella tratta Andora-Finale Ligure. Opera necessaria per consentire collegamenti più frequenti e comodi tra la Liguria, che è in gran parte dell’anno soffocata dal traffico automobilistico, e il resto d’Italia. Nei giorni scorsi l’Assemblea dei Verdi della provincia di Savona ha discusso il problema ritenendo non più rinviabile questa opera che dovrà essere realizzata al più presto tenendo conto del delicato contesto ambientale” aggiunge.

I Verdi ricordano ancora una volta quanto detto il Prof. Willi Husler – Docente Universitario- Specializzato in pianificazione e organizzazione dei trasporti, con studi in Italia, Austria e Germania: “La congestione delle nostre ferrovie ha raggiunto livelli drammatici e costringe tante persone all’uso dell’auto o alla rinuncia al viaggio in Liguria. Una autostrada con 2 più 2 corsie ha una capacità massima di 4000 unità auto (per ora e senso di marcia, con una velocità di 80-100 Km/ora). Questo porta ad una capacità da 70000 a 90000 unità auto in totale per giorno. Tra Spotorno e Savona è stata registrata una media di 8259 camion per giorno. Il raddoppio completo della ferrovia Genova-Ventimiglia e l’ammodernamento della linea (intervallo minimo fra i treni, sagoma e lunghezza dei treni, utilizzo notturno per il trasporto merci) potrebbe diventare un modello europeo”.

“Inoltre è da considerare come la crescente domanda di mobilità lungo la direttrice Ceva-Riviera di Ponente negli ultimi sessant’anni sia stata soddisfatta potenziando solo il trasporto su gomma, dimenticando le grandi opportunità di un corretto trasporto ferroviario con il Piemonte e tutto il nord-Italia. Treni comodi e frequenti limiterebbero quell’invasione di auto che soffoca tutti i centri costieri specialmente nella stagione estiva”.

“La situazione dell’autostrada A10 diventa ogni giorno più critica e per questo i Verdi ritornano a chiedere anche il potenziamento dell’ “Autostrada del Mare” attraverso una semplificazione degli iter burocratici e il rifinanziamento delle Leggi 265/2002- “Eco-bonus Strade del Mare” – L. 311/2006 “Master Plan Mediterraneo”, L. 208 del 28/12/ 2015, utilizzando i contributi europei”.

“E’ assolutamente necessario ridurre inquinamento e incidenti: l’Autostrada dei Fiori non può essere l’autostrada dei Tir” conclude Castellazzi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.