IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lettere al direttore

Qualità della vita, Savona perde posizioni: le riflessioni di Franco Astengo

“La Liguria conferma la tendenza a rappresentare il Sud del Nord”

Savona. Queste graduatorie risultano sicuramente discutibili se non opinabili ma si basano su dati sociologicamente validi e interpretano tendenze almeno attendibili.

Per quel che riguarda la Liguria si pongono seri interrogativi. Una Regione ferita dall’emblematico crollo del ponte, dalla dimostrazione concreta di un utilizzo devastante di un territorio fragile, che soffre – nella sua area centrale – di un processo di deindustrializzazione fortemente impoverente.

Da notare che, come nelle città medio – piccole, gli indici della qualità della vita migliorano, nelle province liguri si arretra perdendo posizioni. E’ evidente che il modello turistico non regge,  che permane un forte conflitto ambientale, che siamo in ritardo sul piano di presenze produttive a forte innovazione tecnologica.

Ecco di seguito alcuni dati di carattere generale che riguardano l’intero Paese, dai quali si evince soprattutto l’allargarsi della forbice tra Nord e Sud. Un divario che sta all’origine del risultato elettorale del 4 marzo scorso:  nel 2017 il paese stava ancora subendo il vero e proprio arretramento provocato dal blocco dell’austerità “borghese” messo in atto dal Pd.

Al Nord la Lega ha fatto , evidentemente, il pieno portando avanti la solita logica del “no alle tasse”, al Sud i 5 stelle l’hanno fatta da padrone con la promessa del reddito di cittadinanza.

Un paese che il 4 marzo 2018 aveva deciso di rispondere alla crisi illudendosi di falsi miti, questo è il dato che esce anche dall’analisi di questi dati.

Indietro di 18 posizioni in un anno. A certificare i problemi di Roma non ci sono più soltanto i malumori dei cittadini, ma un’indagine sulla qualità della vita nelle 110 province italiane realizzata da Italia Oggi (in edicola domani) con l’Università La Sapienza di Roma, giunta alla 20esima edizione. Traffico, “manutenzione” della città, buche stradali, rifiuti: la capitale paga per il degrado evidente di cui è vittima.

Bolzano si conferma invece la provincia dove si vive meglio in Italia, seguita da Trento e Belluno. Il Nordest in generale ottiene un giudizio positivo. E se Roma è la località che registra il peggioramento più marcato, anche Firenze scivola all’indietro (dal 37° al 54° posto). Arretra pure Venezia. Risale invece, unica tra le grandi città, Milano, che passa dal 57° al 55° posto. Senza variazioni rispetto allo scorso anno Napoli (in terzultima posizione, nonostante i miracoli annunciati dal sindaco De Magistris, la presenza taumaturgica del vicepresidente Di Maio e l’incombente figura del Lord Protettore De Luca) e Palermo (al 106° posto). Fanalino di coda Vibo Valentia.

La valutazione sulla qualità della vita si basa su nove elementi: affari e lavoro, ambiente, criminalità, disagio sociale e personale, popolazione, servizi finanziari e scolastici, sistema salute, tempo libero e tenore di vita, con 21 sotto dimensioni e 84 indicatori di base. Dalla quarta alla decima posizione si trovano tutte città che hanno recuperato rispetto all’anno scorso, salvo una, Treviso, che è passata dalla sesta alla nona posizione.

Al quarto posto Siena, che ha recuperato sette posizioni (era undicesima), seguita da Pordenone, che passa dalla nona alla quinta, e da Parma, che ha guadagnato una posizione rispetto al 2017 (era settima). In forte ascesa Aosta e Sondrio, rispettivamente al 7o e 8o posto, che partivano dal 18o e dal 16o della passata edizione. Decima Cuneo, che ha guadagnato tre posizioni.

Aumenta il divario Nord-Sud

Nel 2018 si conferma che sfuma sempre più il contrasto Nord-Sud in termini di buona qualità di vita legata al benessere economico, che si acuisce il divario fra piccoli centri (in cui si vive meglio) e grandi centri urbani, in cui la vita è invece sempre un po’ più difficoltosa. Fenomeno testimoniato, fra l’altro, dal brusco scivolone della capitale, scesa dal 67 all’85o posto della classifica.

Elevato il calo anche a Bari (dal 96o al 103o posto). La qualità della vita è peggiorata anche a Catanzaro (dal 92o al 95o posto), all’Aquila (dal 68o al 72o), a Potenza, che ha perso 20 posizioni (ora è 64esima), arretramento simile a Venezia (al 62o dal 41o posto). Di Roma si è già detto, Torino ha perso una posizione, ed è 78esima. Stabile invece la qualità della vita a Napoli (108°) e a Palermo (106°), che si mantengono sui medesimi livelli del 2017.

La tendenza al miglioramento

I risultati migliori li ottengono le piccole città: ottime le posizioni di Siena, Pordenone, Parma, Aosta, Sondrio, Treviso e Cuneo. Treviso, in particolare, risulta la provincia più sicura d’Italia. Trento, Bolzano e Bologna le realtà più positive per affari e lavoro. Parma, Siena, Trento e Piacenza quelle con la migliore offerta finanziaria e scolastica; Isernia, Pisa, Ancona, Siena e Milano quelle con il più efficiente sistema sanitario. Maglia nera alla calabrese Vibo Valentia, in coda alla classifica in compagnia di Catania, Napoli, Siracusa e Palermo. In generale. la città ideale ha mediamente 100 mila abitanti. Nelle prime 40 posizioni, infatti, solo Verona e Padova hanno poco più di 200 mila abitanti, mentre Brescia, Parma, Modena, Reggio Emilia, Bergamo, Trento, Forli, Vicenza, Bolzano e Piacenza ne hanno più di 100 mila, tutte le altre 28 città hanno un numero di abitanti inferiore.

La Liguria Sud del Nord

Savona precipita dal 66° al 72° posto, indice evidente di una crisi che si trascina da tempo e arriva da lontano, dal complesso delle questioni economico – sociali perpetratesi almeno dagli anni’80 del XX secolo riguardanti per il capoluogo, l’area centrale e la Valbormida dalle scelte relative allo scambio speculazione edilizia / deindustrializzazione e per il Ponente dell’assalto cementizio alla fragilità di un territorio già stressato dalle scelte compiute fin dagli anni’50 in nome di una facile accumulazione di ricchezza in favore di determinate categorie.

Il savonese, come detto, si trova al 72^ posto, quindi all’incirca a metà della “famigerata” colonna di destra. Ma nel derby ligure, nel 2017 Savona risulta la seconda provincia per qualità della vita della nostra regione. La prima è La Spezia, che si trova al 39^ posto (con meno sette posizioni rispetto al 32^ posto del 2016), dove il processo di dimissione industriale è risultato più contenuto con un totale di 589,04 punti. Genova è al 76^ posto (ne guadagna quattro rispetto alla 80^ piazza del 2016) mentre Imperia è alla posizione 104 (lo scorso anno era alla 103) con un punteggio di 59,25 punti totali.

Tra 12 mesi verificheremo i dati per il 2018: allora conterà il dramma del ponte sul Polcevera e l’ulteriore crisi industriale avvitatasi nella provincia di Savona. Verificheremo con attenzione.

Franco Astengo

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.