IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Posti di blocco, controlli e perlustrazioni in elicottero: 3 arresti e 8 denunce dei carabinieri foto

Durante l'operazione sono state controllate circa 250 persone e 160 veicoli

Albenga. Tre arresti e otto denunce. E’ questo il bilancio dei nuovi servizi straordinari di controllo del territorio messi in atto ieri sera e questa notte dalla compagnia dei carabinieri di Albenga nella città delle Torri. I militari hanno allestito numerosi posti di blocco e passato al setaccio le zone maggiormente frequentate da pregiudicati. Durante l’operazione sono state controllate circa 250 persone e 160 veicoli. Al termine sono stati effettuati tre arresti, due in ottemperanza ad altrettanti ordini di carcerazione ed uno in flagranza di reato.

Stanotte, durante un pattugliamento intensificato nella zona di piazza del Popolo e del Lungocenta Dante Alighieri, gli uomini del nucleo operativo e radiomobile hanno arrestato un cittadino marocchino di 31 anni. L’uomo era già stato fermato e denunciato nel corso della serata per detenzione di stupefacenti: durante un altro controllo insieme ad alcuni connazionali, ha tentato di rubare il cellulare del carabiniere che lo stava sottoponendo ad accertamenti di polizia. I militare infatti aveva appoggiato il cellulare sulla cappelliera dell’autovettura di servizio per svolgere gli accertamenti di rito e lo straniero, visto lo smartphone a portata di mano, ha cercato di impossessarsene. Il furto non è riuscito e l’autore è stato subito ammanettato ed arrestato.

Un altro equipaggio del nucleo radiomobile ha invece denunciato due cittadini marocchini di 35 e 26 anni: il primo per non aver ottemperato all’ordine di espulsione dal territorio nazionale ed il secondo per essere stato sorpreso in possesso di una certa quantità di hashish, pronto evidentemente per essere venduto.

Durante un controllo del noto circolo privato in via del Roggetto, già chiuso svariate volte per motivi di ordine pubblico, i carabinieri della stazione di Albenga hanno tratto in arresto un marocchino 35enne. Lo straniero, rintracciato all’interno dei locali del circolo, ha precedenti per spaccio ed è stato colpito da un ordine di carcerazione per l’espiazione della pena di 3 mesi di reclusione per lo stesso reato. L’arrestato è stato condotto al carcere di Imperia dove dovrà scontare la pena inflitta.

Sempre i militari della caserma ingauna hanno denunciato un 24enne brasiliano, pregiudicato, per la violazione degli obblighi imposti dalla misura cautelare cui è sottoposto. Ed infine, sul Lungocenta, hanno denunciato all’autorità giudiziaria una 22enne di Boissano per il reato di ricettazione poichè sorpresa a girare su uno scooter risultato rubato ad una cittadina di pietra ligure.

Nel massiccio dispositivo messo in atto nelle scorse ore sono stati coinvolti anche i carabinieri di Ceriale, che hanno denunciato per furto due cittadini marocchini di 40 e 26 anni, entrambi pregiudicati, rei, in concorso tra loro, di aver sottratto un ciclomotore ad un cittadino ecuadoriano ma residente a Loano, davanti alla discoteca “Alè Alè” di Ceriale di cui quest’ultimo ne è il gestore.

Durante un altro posto di blocco effettuato a Pietra Ligure, i carabinieri della locale stazione hanno fermato ed arrestato un pregiudicato statunitense di 55 anni, residente a Loano, che dovrà scontare la pena di mesi 6 di reclusione in relazione al reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare. Il reato era stato commesso a Sanremo nel corso del 2017.

Il servizio ha visto inoltre il controllo di 10 esercizi pubblici i cui avventori sono stati identificati. Sono emerse irregolarità su un locale tuttora al vaglio dei militari. Il centro storico di Albenga, costantemente presidiato da pattuglie a piedi in uniforme ed in borghese, non ha riscontrato la presenza di persone sospette.

L’impegno dei carabinieri della compagnia di Albenga ha visto il supporto di due unità cinofile, Rex e Bono, che hanno fatto la loro parte scovando vari e modici quantitativi di droga sottraendoli al mercato dello spaccio.

L’elicottero Fiamma, in collaborazione con pattuglie a terra impegnate nei controlli degli svincoli stradali dei maggiori assi viari delle frazioni, ha contribuito a prevenire e contrastare i furti nelle abitazione più isolate, segnalando autovetture o persone ritenute sospette.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.