IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Legge di Bilancio, ecco le richieste di Anci per i comuni liguri e le esigenze del territorio

L'analisi dell'Ufficio di Presidenza ANCI Liguria

Più informazioni su

Liguria. Il reintegro del fondo Imu-Tasi, improvvisamente scomparso nella Legge di Stabilità 2018, la riduzione della percentuale di perequazione al 30% sul Fondo di Solidarietà Comunale o ancora l’utilizzo dell’avanzo di amministrazione per i Comuni in disavanzo tecnico dovuto al riaccertamento straordinario del 2015. Queste alcune delle proposte formulate da Anci Liguria in merito alla Legge di Bilancio 2019, con diretto riferimento al pacchetto di misure che riguardano gli enti locali e le loro finanze.

L’Ufficio di Presidenza ANCI Liguria, dopo aver esaminato i lavori della Commissione Finanza locale sul Bilancio di Previsione dello Stato per l’anno finanziario 2019 e il Bilancio Pluriennale per il triennio 2019-2021, tramite ANCI, UPI e i parlamentari liguri, ha chiesto una serie di emendamenti: la stabilizzazione della percentuale di accantonamento FCDE (Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità) al 75%, per garantire ai Comuni il sufficiente accantonamento a fronte di entrate non riscosse; il ripristino dei finanziamenti soppressi con il DL 66/2014 provenienti dal Fondo di Solidarietà, già predisposti anche per il 2019, considerando che la programmazione di spesa degli enti locali è già stata impostata tenendo conto del ripristino di questo Fondo; il riconoscimento dell’aumento della perdita su comodati e concordati, per sopperire alla continua perdita di gettito Imu che si registra ogni anno; il finanziamento di un fondo per le penali dovute dal rimborso dei mutui; il finanziamento di un fondo aggiuntivo per i crediti maturati nei confronti dello Stato; la rinegoziazione con Cassa Depositi e Prestiti dei mutui stipulati dopo il 2003, anche già rinegoziati un contributo economico di 15milioni di euro per il 2019 a favore del Comune di Genova per il superamento dell’emergenza rifiuti, a seguito del crollo del viadotto Polcevera; la modifica al D. Lgs. 175/2016 cosiddetta “Legge Madia” riguardo le partecipazioni societarie, per dotarsi di holding e attuare un’azione amministrativa coordinata ed unitaria.

Anche il Consiglio delle Autonomie Locali liguri ha formulato la proposta di due emendamenti alla Legge di Bilancio 2019 riguardanti il miglioramento dell’articolato del Bando Periferie, il cui accordo è stato raggiunto in Conferenza Unificata il 18 ottobre 2018. Gli emendamenti riguardano la possibilità per Cassa Depositi e Prestiti di utilizzare il prestito riqualificazione periferie urbane e quella, per i Comuni, di contrarre debiti come anticipazioni per gli enti in condizione di riequilibrio finanziario pluriennale.

“ANCI, che rappresenta i Comuni, le Province, le Città Metropolitane e i cittadini, chiede attenzione ai rappresentanti liguri a Roma, sollecitando azioni concrete a sostegno del territorio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.