IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La fiction fantasy ligure “Game Of Kings” sbarca in tv, tra gli attori anche il savonese Alberto Aimo foto

Da oggi la serie girata nel genovese verrà trasmessa in chiaro in tutta Italia grazie al circuito Rainbow Tv

Savona. Dopo il successo del debutto al cinema, la fiction fantasy ligure “Game Of Kings” è pronta a sbarcare sul piccolo schermo. La serie, girata a Genova con la regia di Gioele Fazzeri, scritta da Dario Rigliaco e autoprodotta da D&E Animation, è stata infatti notata da un circuito nazionale, Rainbow Tv, che a partire da oggi la trasmetterà in chiaro in 18 regioni italiane su altrettante emittenti locali. In Liguria, “casa” di Game Of Kings, a mandare in onda i vari episodi sarà Telegenova. E per i savonesi ci sarà un motivo di interesse in più: nel cast, infatti, c’è anche un giovanissimo attore della città della Torretta, Alberto Aimo.

Alberto Aimo game of kings

Alberto, 21 anni, studente universitario, nella serie interpreta il principe Alistar Lagostin, figlio del re di Winrell. Amante della recitazione da sempre, ha studiato teatro e musical per anni presso i Nati da un Sogno di Savona: tra i ruoli interpretati Frollo ne “Il Gobbo di Notre Dame”, Arlecchino in “Pinocchio” e Franklin Hart in “9 to 5″. “La mia collaborazione è nata da una serie di circostanze fortuite – racconta Alberto, che in questo momento si trova in Spagna per l’Erasmus – Stavo cercando una compagnia teatrale a Genova e una mia collega mi aveva introdotto in un suo gruppo di amici che cercavano attori per uno spettacolo. In quel gruppo Whatsapp Luca Cevasco, interprete di uno dei personaggi chiave nella serie, ha scritto di un casting per un progetto chiamato Game of Kings, ma senza dare troppe indicazioni. Dopo un po’ di indecisione, ho deciso di provarci e ‘vedere come andava’… e mi hanno preso”.

Il progetto messo in atto dalla D&E Animation, l’associazione culturale che sta supportando la serie, sta raccogliendo un successo dopo l’altro. Una grande soddisfazione per Fazzeri e Rigliaco che in questi giorni stanno lavorando ai nuovi episodi insieme a numerosi collaboratori. “E’ partito tutto da Telegenova – raccontano – dove è stato mandato in onda il primo episodio mercoledì scorso: i risultati esaltanti hanno fatto scattare l’effetto domino, che a questo punto non si sa dove possa arrivare”.

game of kings

La serie è già sul web con il primo episodio “Il principe che cambiò il destino”, e come da programma approderà sul proprio canale youtube (D&E Animation) subito dopo le anteprime di Telegenova del mercoledì alle 19:30 (canale 18 del digitale terrestre). Dopo la puntata pilota, mandata in onda la settimana scorsa, è prevista la messa in onda di altri tre episodi che completeranno la prima parte della fiction fantasy/medievale. Nel 2019 uscirà la seconda parte, su cui la produzione è già al lavoro.

Il primo episodio

“Per ora ci godiamo questo momento: è un inizio che non avevamo di certo preventivato, anche se i sold out durante le anteprime al cinema ci avevano fatto pensare che probabilmente avevamo fatto qualcosa di buono” racconta Fazzeri, regista oltre che compositore della colonna sonora di Game Of Kings. “L’obiettivo è alzare il livello episodio dopo episodio – aggiunge Rigliaco, autore e sceneggiatore – penso che questo sia un inizio da incorniciare, ma per ora siamo soddisfatti all’80%. Game of Kings è un’opera di 9 episodi, va giudicata alla fine di tutto, perché il nostro è un percorso di crescita graduale, una produzione locale che sta mettendo in GOK anima e cuore, per fare qualcosa di importante. Stiamo lavorando per superare i limiti dell’autoproduzione, e vi assicuro che ce la stiamo mettendo tutta per raggiungere il massimo del risultato raggiungibile con i mezzi a disposizione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.