IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La “dottoressa” Annalisa torna a scuola e riceve il Premio Carcare Città Calasanziana fotogallery

La cantautrice ha ricevuto il riconoscimento "per i suoi meriti artistici"

Carcare. “Per i suoi meriti artistici” è stata la motivazione che ha spinto la giuria del XII Premio “Carcare Città Calasanziana” ad assegnare il riconoscimento alla virtuosa cantautrice savonese Annalisa nella cerimonia che si è svolta ieri sera nell’affollatissima Aula Magna del Liceo Statale “San Giuseppe Calasanzio”.

La “dottoressa” Annalisa Scarrone è tornata infatti nella scuola in cui ha compiuto gli studi superiori ad indirizzo Scientifico che le hanno permesso di iscriversi all’Università degli Studi di Torino, dove nel 2009 si è laureata in Fisica con una tesi sulla pompa di calore geotermica e la votazione di 96/110.

Il premio istituito dal Centro Culturale di Educazione permanente “San Giuseppe Calasanzio” è stato consegnato quest’anno a “Nali” per i suoi numerosi successi professionali come cantante e autrice di canzoni, anche per altri famosi artisti, e avere anche portato in auge il nome di Carcare, suo paese d’origine. “Annalisa Scarrone, giovane ed affermata cantautrice, con la sua voce raffinata, potente e cristallina trasmette sensazioni, sentimenti ed emozioni”, ha spiegato il presidente di giuria al momento della consegna del premio. “Ringrazio moltissimo il Centro Culturale per questo premio, sono felicissima di essere tornata nella mia scuola e aver ritrovato alcuni dei miei ex professori”, ha dichiarato Annalisa.

La targa si aggiunge alla già ricca bacheca di trionfi conquistati dall’artista ligure: solo per citare quelli dell’anno in corso il Best Italian Act (Miglior Artista Italiana) agli MTV Europe Music Awards al Bilbao Exhibition Centre, in Spagna, tre Dischi d’Oro, due Dischi di Platino e il terzo posto al 68esimo Festival della Canzone Italiana di Sanremo con il brano “Il mondo prima di te”.

La solenne iniziativa ha fatto da preludio al trentaseiesimo ciclo di conversazioni sul tema “Come e perché l’Italia entrò in guerra”, aperto dalla lezione sulla Prima Guerra Mondiale a cura del professor Emanuele Edallo, docente di Storia contemporanea all’Università degli Studi di Milano, sui terribili avvenimenti che sconvolsero Italia ed Europa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.