IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Vado “inciampa” col Baiardo, la Cairese può mettere la freccia risultati fotogallery

Con la Rivarolese bloccata sul pari, i rossoblù vengono battuti dal Baiardo e ora rischiano di essere superati dai gialloblù che devono recuperare una gara

Tiene il primo posto la Rivarolese nonostante un pareggio per 0-0 che arriva nella nona giornata di campionato contro il Busalla. Questo grazie ad un turno che comunque favorisce gli avvoltoi con diversi inseguitori che o perdono o pareggiano. Contro i valligiani la partita non è semplice anche perché il Busalla gioca a calcio e si difende sempre con grande ordine anche se Mura ci proverà ben 3 volte in 45’, ma non riuscirà mai a bucare Canziani. Nel secondo tempo arriva un palo clamoroso di Romei, mentre i padroni di casa si faranno vedere anche i busallesi con Sardu, ma Filippi è reattivo. Alla fine un pareggio giusto che consente al Busalla di mettere in cascina un buon punto.

Come detto alle spalle dei genovesi non arriva la risposta delle rivali, su tutte il Vado che viene sconfitto a sorpresa dal Baiardo ad una manciata di minuti dal 90°.I neroverdi tengono bene il campo e all’86° Battaglia su punizione la decide regalando 3 punti fondamentali e pesantissimi ai suoi.

Chi invece si avvicina alla vetta è la Cairese che si aggiudica lo scontro diretto con il Finale e sale al terzo posto con vista sul secondo visto che deve ancora recuperare una gara. I valligiani arrivano in riviera con tanta voglia e personalità che si vede quasi subito, dopo un paio di tentativi di Vittori che non impensieriscono Garibaldi. Al 10° Saviozzi calcia un pallone beffardo che quasi beffa Stavros e si stampa sulla traversa.

Un minuto dopo lo stesso Saviozzi imbecca Spozio che non sbaglia e porta avanti gli ospiti. La Cairese, però si complica le cose per un fallo da ultimo uomo di Olivieri che viene espulso e al 38° il Finale ritrova l’equilibrio con un ottimo pallonetto di Vallerga. I giallorossi vivono qui il loro miglior momento con la Cairese che fatica a riorganizzarsi in dieci uomini e al 44° Vallerga scappa via al difensore e raddoppia. Ma proprio nel recupero del primo tempo la Cairese torna in gara incredibilmente con una folata offensiva che di fatto mette in ginocchio i finalesi. Pastorino lanciato a rete viene messo giù da Stavros che poi non riesce a parare il rigore di Di Martino.

Nel secondo tempo la gara è in equilibrio con il Finale troppo timoroso, però e col passare del tempo i gialloblù salgono sempre più finché all’81° ancora Pastorino in area è imprendibile e Conti lo stende. Dal dischetto va Saviozzi che non sbaglia ed è un incredibile 2-3 che fa volare i valligiani e certifica una crisi aperta in casa Finale.

La Cairese aggancia a quota 16 punti momentaneamente il Pietra che non riesce a strappare la vittoria al Valdivara deciso a trovare punti salvezza molto importanti.  Stesso risultato fra Rapallo e Molassana in una gara che metteva in campo punti importanti per la salvezza. Termina senza vinti né vincitori la gara che non accontenta nessuno.

Non riescono ad approfittarne Imperia e Genova Calcio che si annullano a vicenda che restano quindi appena dietro proprio al Pietra. I nerazzurri giocano meglio il primo tempo cogliendo subito un palo con Castagna. La Genova Calcio si vede solo al 43° con una grande occasione per Traverso che arriva in corsa dai 10 metri, ma spara alle stelle. Si va alla ripresa ed è proprio la squadra biancorossa a passare quasi subito con Ilardo che è rapace nell’avventarsi sulla sfera e nel ribadire in gol la respinta di Sadiku sul colpo di testa di Lepera su corner. L’Imperia spinge per rientrare in gara e al 61° Castagna trova il gol del pareggio con una grande azione personale che si conclude con un gran tiro.

Cade l’Albenga a Ventimiglia, nonostante un primo tempo tambureggiante gli ingauni non riescono a superare Scognamiglio. Ci proveranno in ordigne: Calcagno, Cocito, Paolo Rossi e Taku, ma la porta dei frontalieri resta serrata. Nel secondo tempo invece alla prima vera azione offensiva il Ventimiglia passa grazie ad un tiro di Sammartano che calcia una palla respinta dalla barriera su punizione. Il Ventimiglia prende quindi coraggio e domina il resto del secondo tempo che invece vede l’Albenga scomparire virtualmente dal campo.

Torna a vincere invece l’Alassio che incassa tre puniti molto importanti che consentono ai gialloneri di fare un passo in avanti e allungare su Valdivara e sulla stessa Sammargheritese. Il gol decisivo è di Lupo che salta Raffo e deposita in rete. Meglio gli alassini nel primo tempo, più intraprendenti i levantini nel secondo, ma manca la zampata decisiva e neanche Bosetti è fortunato quando calcia a botta sicura al 78° cogliendo un palo clamoroso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.