IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il calcio savonese piange la morte di Antonio Marcolini

Ex attaccante, fu protagonista, tra le altre, con la squadra biancoblù e con la Cairese

Savona. Un altro lutto ha colpito il mondo dello sport savonese, ed in particolare il calcio, che nel 2018 ha dato l’addio ad un gran numero dei suoi protagonisti, sia del passato che del presente, giocatori ed ex, allenatori, dirigenti.

A piangere, oggi, sono in particolare la Savona biancoblù e la Cairese. Nella notte è mancato Antonio Marcolini, che nella sua carriera giocò 119 partite nel ruolo di attaccante con la maglia degli Striscioni, segnando 13 reti.

Marcolini, nato il 24 ottobre 1950, di origini veronesi, fisicamente prestante, iniziò a giocare con la Pozzo Calcio di San Giovanni Lupatoto. Poi, all’età di 17 anni, il trasferimento a Savona e le prime 3 presenze con il Savona Fbc. Vi fece ritorno per una fugace apparizione nel 1969, per poi andare al Rapallo.

Con la società ruentina maturò rapidamente, al punto da essere richiamato in biancoblù nell’annata 1970/71. In quella stagione e la successiva fu protagonista di due campionati di Serie C a metà classifica.

In seguito, cominciò il suo peregrinare attraverso l’Italia: Marcolini giocò con il Bari nel campionato di Serie B, Grosseto, Alessandria, Pro Vasto e Triestina. Poi, nell’estate del 1978, fece ancora ritorno nella sua Savona, per giocare due campionati di Serie C2.

Nel 1980 Antonio si spostò nella vicina Cairo Montenotte, nella quale visse tre stagioni di gloria con i colori gialloblù, vincendo la Prima Categoria, la Promozione e raggiungendo il terzo posto in Interregionale. Marcolini fu goleador tra i valbormidesi, segnando 56 reti in 82 gare.

Poi, dall’età di 33 anni, Marcolini ha militato in ambito regionale con le maglie di Albenga, Varazze e Carcarese. Con la società varazzina, nel 1985/86, oltre che giocatore svolse il ruolo di allenatore. La sua breve carriera da tecnico si limitò poi a due stagioni alla guida del Quiliano.

Marcolini era genero di Roberto Longoni, deceduto nel 2012, bandiera del Savona, e cognato di Paolo Longoni, ex di Savona, Vado e Carcarese. Una dinastia di calciatori portata avanti da Michele Marcolini, figlio di Antonio, divenuto il più celebre grazie alla sua lunga carriera di centrocampista tra Serie A e Serie B e, attualmente, allenatore con recenti esperienze nelle società professionistiche.

Foto tratta da Wikipedia

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.