IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finale Ligure, tutto pronto per il decennale di Cioccolato a Palazzo evento

Con una gara di torte al cioccolato organizzata in collaborazione con l’Anfass, Jobel ed il progetto sociale Nonunodimeno

Più informazioni su

Finale Ligure. Sabato 8 e domenica 9 dicembre torna la manifestazione Cioccolato a Palazzo con la sua decima edizione. L’evento rappresenta una chicca allestito nell’Oratorio de’ Disciplinanti nel Complesso Monumentale di Santa Caterina.

Sia sabato che domenica l’orario di apertura è dalle 10 alle 19 orario continuato. Tra gli espositori ci sono produttori di cioccolato, tra i quali la Cooperativa Don Puglisi di Modica che produce cioccolato.

La Coopertiva Don Puglisi nasce da un progetto sociale. La casa di accoglienza della Caritas e un prete siciliano ucciso dalla mafia, don Pino Puglisi. La prima, nata per accogliere e ridare dignità a tante vite segnate dal disagio e dalla superficialità di una società, distratta ed egoista, che non si cura del piccolo e del debole; il secondo, ucciso per aver osato far crescere valori e interessi tra bambini e ragazzi in un ambiente che li aveva già destinati alla prepotenza ed alla violenza. Ma Casa don Puglisi è anche il nome del laboratorio dolciario pensato per un cammino di reinserimento delle giovani mamme accolte nella Casa; un luogo dove la sapiente miscelatura di amaro e dolce, presente nella rinomata “cioccolata modicana” può diventare quasi una metafora della vita. In questo spazio virtuale presentiamo ciò che è diventato oggi il laboratorio dolciario Casa don Puglisi: una concreta realtà lavorativa, basata sul trinomio qualità, tradizione e solidarietà, che si è guadagnata un posto di rilievo nel contesto della produzione dolciaria modicana o, come ha voluto definirlo una prestigiosa rivista australiana, “una delle dieci esperienze più dolci da fare in giro per il mondo…”

Il laboratorio dolciario artigianale “Casa Don Puglisi” vuole essere un segno. Un segno è sempre qualcosa di concreto, ma al tempo stesso rimanda ad altro, a significati, valori, idee. Entrando nel Laboratorio, si può respirare l’aria delle vecchie botteghe artigianali, in cui si lavora certo con ritmi molto intensi, ma anche si scambiano parole e sorrisi, battute e notizie. Presso il nuovo punto vendita, collocato nel centro storico della città, si possono acquistare biscotti e cioccolata che si contraddistinguono, oltre che per la qualità e per la lavorazione nel rispetto delle tradizioni, anche per il loro significato. Dietro, infatti, vi sta il cammino di reinserimento delle mamme accolte nella Casa insieme ai loro figli, segno di un’accoglienza che non si limita solo al vitto e all’alloggio ma vuole promuovere cammini di dignità e di relazioni solidali. L’uso, poi, nella produzione di materie prima del commercio equo e solidale, aggiunge anche il sapore del riscatto di tutti i Sud del mondo, garantendo giusti salari, rispetto per l’ambiente e utilizzo degli utili per opere sanitarie e sociali a favore dei più deboli. Quindi al centro c’è la solidarietà che, assieme a tradizione e qualità, va a comporre quel trinomio che ormai contraddistingue ovunque il laboratorio. Solidarietà corale, in quanto l’iniziativa è stata resa possibile grazie alla collaborazione di molte persone e nel convergere di molti elementi: offerte di volontari, disponibilità gratuite, serie professionalità, generoso impegno, contributi della diocesi e del ministero del lavoro. Oggi il laboratorio, grazie alla professionalità e all’esperienza della maestra dolciera, la signora Lina, e delle sue collaboratrici, garantisce l’eccellenza nella produzione dell’ormai famosissima cioccolata di Modica e di biscotti, dolci e leccornie varie della tradizione, e ottiene prestigiosi premi e riconoscimenti in Italia e all’estero.

La produzione di biscotti, dolci, cioccolata e altre prelibatezze del Laboratorio dolciario Casa don Puglisi risponde a criteri semplici ma indispensabili: il rispetto delle tradizioni, delle ricette e delle consuetudini gastronomiche locali; la cura nella scelta delle materie prime utilizzate e la particolare e scrupolosa attenzione rivolta alle operazioni di preparazione e confezionamento; la continua e vivace ricerca di nuovi gusti e abbinamenti che contribuisce ad esaltare la grande varietà di prodotti tipici d’eccellenza che offre il territorio; soltanto con questi imprescindibili presupposti si possono ottenere i prodotti che oggi vanta il catalogo del laboratorio.

Il laboratorio dolciario artigianale “Casa don Puglisi” ha iniziato la produzione della cioccolata modicana con ingredienti provenienti da cooperative di commercio equo, come a voler chiudere un cerchio attraverso il recupero di frammenti di un percorso che dal Messico pre-colombiano è arrivato fino a Modica. Dalla particolare lavorazione della pasta amara di cacao (varietà “criollo”) di altissima qualità e di zucchero di canna di prima scelta, si ottiene questo mitico parallelepipedo nero lucente, variamente aromatizzato, levigato da una lunga battitura e contraddistinto al gusto da uno studiato contrasto tra l’intensità e il profumo della fava di cacao e il cristallo zuccherino, mantenuto intatto nella tipica granulosità dell’impasto. La formazione di una sottile patina sulla superficie della cioccolata modicana è dovuta al suo processo di lavorazione a freddo, che permette il mantenimento dei sapori di ogni singolo ingrediente e determina il normale aspetto “opaco” della barretta. Negli anni, ai più tradizionali aromi di vaniglia e cannella, si sono aggiunte mote varianti che interpretano gusti e sensibilità diverse. Oggi, infatti, il laboratorio produce cioccolato in sedici aromi diversi: classica, peperoncino, zenzero, arancia, anice, bergamotto, porto, caffè, carruba, mandarino, birra, pistacchio di bronte, melagrana, fruttosio e mandorla di Avola.

Alcuni dei prodotti presenti in vendita ed esposizione: amaretti, cioccolato di ogni genere, torte, baci di dama, miele e derivati, vini e amari, meringhe, torte di castagna, torrone, infusi e molto altro.

L’evento sarà un tripudio di attività dedicate al decennale.A tal proposito per i 10 anni della manifestazione Cioccolato a Palazzo sarà organizzata la Gara di Torte al Cioccolato.

La partecipazione è gratuita e possono partecipare tutti, professionisti e non. Si dovranno preparare due torte al cioccolato che riportino un cenno al decennale di Cioccolato a Palazzo. La prima sarà esposta, mentre la seconda sarà data in degustazione alla giuria della gara. La seconda potrà essere anche di piccole dimensioni (max 7 porzioni piccole).

I dolci sono da consegnare presso l’Oratorio de’ Disciplinanti del Complesso Monumentale di Santa Caterina a Finalborgo il giorno 8 dicembre dalle 10 alle 12.30. La gara è organizzata in collaborazione con: Anfass, Jobel, Progetto “Nonunodimeno” e “Nonunodimeno” Laboratorio Bistrot Sociale. Le torte saranno esposte in forma anonima alle 16 per non influenzare la giuria. Alle 16.30 di sabato 8 dicembre ci sarà la Cerimonia di Consegna della targa al vincitore/vincitrice.
A tutti i partecipanti sarà consegnato il diploma di partecipazione.

Il programma della manifestazione prevede l’inaugurazione alle 10 di sabato 8 dicembre con l’inizio delle fasi della gara di arte dolciaria. Dalle 11 sarà allestita la tavola di Natale con la collaborazione delle attività di Finalborgo. Alle 21 ci sarà un concerto dedicato al Natale a cura dell’Unitre di Finale Ligure.

Domenica 9 si partirà presto con la Chicchiricchì Run del Cioccolato, un allenamento di gruppo a cura della ASD RunRivieraRun con partenza e arrivo da Cioccolato a Palazzo. L’allenamento è dedicato a tutti i podisti runners e camminatori. Per i primi è previsto un circuito di circa 8 km mentre per i camminatori il giro sarà di 6 chilometri. Entrambi saranno accompagnati dagli Angels i volontari della Asd RunRivieraRun. Ci si può iscrivere direttamente il giorno prima a Cioccolato a Palazzo oppure via email mandando la propria adesione a info@runrivierarun.it. Possono partecipare anche le famiglie. A termine dell’allenamento è previsto un bel ristoro per tutti a base di cioccolato.

Alle 16 presso la Sala della Piramide si svolgerà l’incontro dal tema “I Flussi migratori epocali e integrazione”, con la partecipazione della scuola di italiano Aifo. Alle 16.30 si svolgerà un concerto di Natale a cura dell’Accademia Musicale del Finale presso l’Auditorium di Santa Caterina.
Sempre alle 16.30 si svolgerà la Festa degli Angels i volontari della Asd RunRivieraRun. Durante l’evento si terranno le premiazioni della Prima e del Primo ligure della mezza maratona della RunRivieraRun del 28 ottobre, inoltre saranno premiati il primo e la prima ligure della Liguria Marathon, i volontari e i partecipanti al circuito Strong Wild Trail Cup.

L’appuntamento è dalle 10 alle 19 (orario continuato con degustazioni salate al cioccolato all’ora di pranzo) di sabato 9 e domenica 10 dicembre presso l’Oratorio de’ Disciplinanti. L’evento è organizzato con la collaborazione del Comune di Finale Ligure e dell’Unione Comuni Finalesi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.