IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Esplosione in un garage a Borgio Verezzi, probabile fuga di gas: prosegue l’indagine di carabinieri e vigili del fuoco fotogallery

Migliorano le condizioni dell'anziano all'ospedale Santa Corona di Pietra Ligure

Borgio Verezzi. Non è ancora formalmente indagato il 76enne di Borgio Verezzi, iniziali G.P., rimasto ferito nel tardo pomeriggio di ieri per l’esplosione di un garage avvenuta in via XXV Aprile a Borgio Verezzi, con l’anziano che si trovava all’interno e che solo per un caso fortuito non è stato investito dalla violenta onda d’urto che ha divelto le serrande e provocato ingenti danni, con detriti, materiali, utensili, attrezzi e altro ancora che si è riversato in tutta l’area condominiale.

Proseguono gli accertamenti e le indagini da parte di carabinieri e vigili del fuoco sulle cause che hanno provocato lo scoppio, un boato avvertito e sentito anche a grande distanza e che poteva avere conseguenze ben più gravi.

I militari hanno ascoltato tutte le testimonianze, dei familiari dell’uomo (l’esplosione ha danneggiato anche il box limitrofo) e dei vicini di casa scesi in strada in preda al panico subito dopo l’esplosione. Decisiva sarà la perizia da parte dei vigili del fuoco, che per tutta la serata di ieri hanno lavorato senza sosta per la pulizia, la bonifica e la messa in sicurezza, in particolare per le bombole di gas contenute all’interno del garage e dalli quali, si presume, possa essere partita la fiammata e lo scoppio: tuttavia non si esclude la presenza di altri liquidi e sostanze che possano aver determinato l’esplosione.

Si attendono ancora gli esiti dei riscontri e degli accertamenti tecnici, così come i carabinieri attendono di sentire la versione del 76enne, che è stato ricoverato nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure per le ustioni al volto e alle mani, oltre che per le ferite da taglio a seguito dei frammenti che lo hanno investito a seguito dello scoppio.

L’anziano è stato soccorso dai militi della Croce Bianca di Borgio Verezzi e dell’automedica del 118 e portato d’urgenza al pronto soccorso del nosocomio pietrese.

Secondo quanto appreso dai sanitari, il ricovero in Rianimazione è stato adottato a fini precauzionali, in relazione alla situazione clinica del momento, il 76enne non è in pericolo di vita e non sarà trasferito all’0spedale specializzato di Villa Scassi a Genova: nel pomeriggio è previsto, infatti, un suo trasferimento presso la Chirurgia Plastica del Santa Corona, dove il 76 verrà sottoposto agli interventi e trattamenti medici del caso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.