IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dalla Regione mezzo milione di euro per la diffusione delle politiche europee di sviluppo rurale

Le domande di aiuto potranno essere presentate a partire dal 7 novembre 2018

Regione. La giunta della Regione Liguria ha avviato le procedure per la presentazione delle domande di sostegno e pagamento a valere sull’azione b) “azioni di informazione” della Sottomisura M01.02 del PSR 2014-2020.

“Questo provvedimento – spiega il capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale Angelo Vaccarezza – sostiene specificatamente le azioni di informazione mirate a promuovere la conoscenza delle opportunità e delle norme delle politiche agricole, forestali e ambientali dell’Unione Europea, con particolare riferimento alla politica di sviluppo rurale, la diffusione di informazioni rilevanti per le attività agricole, forestali e agroalimentari, le buone prassi e le innovazioni, tramite incontri informativi organizzati sul territorio regionale, materiali e prodotti informativi (quali ad esempio manifesti, opuscoli o pubblicazioni sul web) e sportelli informativi aperti al pubblico”.

Possono presentare domanda di sostegno i prestatori di servizi di trasferimento di conoscenze e informazioni, riconosciuti ai sensi della delibera di giunta regionale numero 721 del 2016 e inseriti nell’apposita sezione dell’elenco regionale pubblicato sul portale agriligurianet, o i partenariati tra prestatori riconosciuti costituendi o costituiti secondo una delle forme previste dall’ordinamento giuridico italiano.

Le azioni di informazione sono rivolte ai seguenti destinatari: imprenditori agricoli, singoli e associati, iscritti al Registro delle imprese e dotati di partita Iva; titolari di imprese forestali, singole e associate, iscritte al Registro delle imprese e che abbiano un’attività principale o secondaria con codice ATECO che inizi con A 02; 3. amministratori e dipendenti di gestori del territorio, rappresentati da Comuni, Enti parco ed enti gestori dei siti della Rete Natura 2000, nonché altri soggetti pubblici e privati proprietari, detentori o gestori di aree agricole e forestali; operatori economici che siano micro, piccole o medie imprese operanti in zone rurali (zone C e D).

Il bando ha una dotazione finanziaria complessiva pari a mezzo milione di euro. Il sostegno, non cumulabile con altri aiuti pubblici per le stesse iniziative, è concesso sotto forma di sovvenzione a fondo perduto pari al 100 per cento del costo ammissibile per i progetti destinati al settore agricolo e forestale e pari al 70 per cento dei costi ammissibili per i progetti destinati ad altri settori e limitati alle micro e piccole imprese aventi sede nelle zone rurali (60 per cento nel caso delle medie imprese).

Le domande di aiuto, corredate di tutta la documentazione richiesta, potranno essere presentate a partire dal 7 novembre 2018 ed entro il termine perentorio dell’11 dicembre 2018, esclusivamente in via telematica tramite il Sistema Informativo Agricolo Nazionale (SIAN).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.