IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Controlli dei carabinieri ad Alassio: un arresto e cinque denunce foto

In manette è finito un marocchino evaso dai domicliari, mentre gli altri provvedimenti sono scattati per casi di lesioni, maltrattamenti e insolvenza fraudolenta

Villanova d’Albenga. Un arresto per evasione dagli arresti domiciliari, una denuncia per lesioni, due per maltrattamenti in famiglia, due per insolvenza fraudolenza e truffa. E’ il bilancio degli ultimi giorni di attività dei carabinieri della compagnia di Alassio.

In manette è finito un marocchino di 23 anni che è stato rintracciato dai Carabinieri della Stazione di Villanova d’Albenga nascosto in un casolare vicino ad Ortovero. Al momento dell’arresto per evasione al nordafricano è stata anche notificata anche un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, peraltro sollecitata proprio dagli uomini dell’Arma militari alla luce delle numerose violazioni della misura dei domiciliari commesse. Il marocchino adesso si trova detenuto nel carcere di Imperia.

I carabinieri della Stazione di Alassio invece hanno denunciato per lesioni personali una donna di 60 anni che, mentre si trovava in un supermercato di Alassio, senza una valida ragione ha aggredito la proprietaria, procurandole lesioni per 20 giorni.

Denunciati anche due torinesi di 45 e 35 anni che, dopo aver soggiornato in un Hotel di Alassio, hanno staccato un assegno per il valore del servizio, risultato scoperto. Nel corso delle indagini si è scoperto che uno dei due era anche interdetto al possesso e uso di assegni. Di qui la denuncia di entrambi per insolvenza fraudolenza e truffa.

Infine, due coniugi sono stati denunciati per maltrattamenti in famiglia e inosservanza del provvedimento del giudice, per una serie di violazioni commesse, in termini di vessazioni e inadempimenti vari commessi in danno delle ex consorti.

Nel servizio di controllo del territorio, ancora in corso, hanno partecipato anche il personale del nucleo cinofili che continua a pattugliare il budello e le zone nevralgiche di Alassio e quello del 15 nucleo elicotteristi di Villanova d’Albenga con i sorvoli aerei effettuati in sinergia con i dispositivi operativi territoriali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.