IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I Magazine di IVG.it - Rosso Pistacchio

Brutta

"Rosso Pistacchio" è la rubrica al femminile di IVG: ogni martedì si parla di donne con Marzia Pistacchio

Più informazioni su

“Rosso Pistacchio” è la rubrica di Marzia, che ama definirsi “una truccatrice struccata”. Uno spazio al femminile dal taglio volutamente “leggero” in cui parlare a 360 gradi di tutto ciò che ruota intorno alle donne. In salsa savonese, naturalmente.

Non è che essere brutta sia poi così male. Non è come non avere una gamba, per esempio, o la vaginite cronica, per esempio. O lo scorbuto. O la pellagra. Per esempio.
Non è così grave.

Intendo dire, non è grave come l’alopecia. O la dermatite seborroica. O lo scolo. Per esempio.

E’ una cosa alla quale ci si abitua.

Specie se te lo dicono sin da piccina.

Ranocchietta, manico di scopa, scheletrino, tavola da surf, megera, scrofa, ramarro, dentona.

Ci si abitua.

Non è che essere cessa precluda una vita normale.

Non è come non avere un rene, per esempio, o l’ernia iatale, per esempio. O l’aerofagia. Per esempio.

Ci si fa il callo. Come se di escrescenze in più non ne avessi abbastanza.

Non è necessario essere popolare durante la adolescenza.

C’è di peggio. Non è come prendersi le piattole, per esempio. O i pidocchi, per esempio. O essere bersagliata di uova marce fuori dalla scuola. Per esempio.

Roito, cagna, vacca, storpia, cessa, mostro, latrina.

Ci si abitua.

Non è che una brutta non scopi, oltretutto.

Son leggende metropolitane.

Si fa lo stesso. Magari con più fatica, ma si fa.

Che poi oggi come oggi la tecnologia ci viene in aiuto. Non è proprio necessario far sapere a tutti di quella peluria insistente sotto il mento, per esempio. O della disfunzione delle tue ghiandole sudoripare. Per esempio. O dell’alluce valgo. Per esempio.

Scopare, scopiamo.

Non è che accontentarsi sia poi così male.

Ci si abitua.

Sia chiaro, ho avuto anche uomini veramente fighi.

Belli. Belli da impazzire.

Interessanti, affascinanti, con quasi tutti i denti.

Solo che non è potessi pretendere che poi si fermassero a dormire. O che facessero piano, per esempio. O che mi baciassero, per esempio. O che mi facessero godere. Per esempio.

Si prende quel che c’è.

Senza pretese di grandi paroloni e grandi gesti.

Non è neanche vero che le cesse non si sposano.

Sono stata anche io una grassa e sgraziata foca avvolta nella meringa lungo la navata.

Solo che non è che lui potesse essermi fedele, per esempio. O che potesse rispettarmi, per esempio. O non rompermi qualche costola ogni tanto, per esempio.

Troia, bagascia, puttana, laida, strega, megera, maledizione della mia vita, zoccola frigida, figa secca.

Ci si abitua.

Non è che essere brutta sia così male. Non è come non avere più i denti, per esempio. O il setto nasale deviato, per esempio. O gli occhi pesti. Per esempio.

C’è sicuramente di peggio.

Non è che noi brutte poi siamo per forza deboli e graciline. Non è proprio necessario chiedere aiuto a nessuno per accoppare un uomo, per esempio. O per farlo a pezzetti, per esempio. O per farne un gustoso stufato. Per esempio.

Non è che essere cessa mi danneggi in carcere. Nessuno mi nota, per esempio. Nessuno mi molesta, per esempio. Nessuno mi ascolta.

Per esempio.

“Rosso Pistacchio” è la rubrica al femminile di IVG, ogni martedì a cura di Marzia Pistacchio: clicca qui per leggere tutti gli articoli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.