IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lettere al direttore

“Ata affonda?”: le perplessità dei Verdi per la situazione dell’azienda

Dopo la bocciatura del pm sulla proposta di concordato aumentano le preoccupazioni sul futuro della partecipata

Più informazioni su

In queste ore, mentre il pm di Savona ha chiesto che venga respinta la proposta di concordato presentata da Ata al Tribunale, noi Verdi vogliamo esprimere in primo luogo la nostra solidarietà a lavoratori e lavoratrici aziendali, che rischiano di perdere il proprio posto di lavoro.

Nel contempo vogliamo rammentare che da anni sia con il centrosinistra che con il centrodestra abbiamo denunciato l’insufficienza dell’azione di Ata e soprattutto la necessità di un netta svolta nella gestione dei rifiuti verso la differenziata spinta e porta a porta.

Dinanzi alla gravità della situazione abbiamo pure avviato un esposto alla Corte dei Conti dinanzi all’inerzia del Comune, che non si poneva tra gli obiettivi del piano pre-dissesto il raggiungimento degli obiettivi di legge sulla raccolta differenziata e abbiamo avviato una indagine conoscitiva sulla situazione di Cima Montà poiché evidentemente i costi di trattamento post-discarica non potevano che essere a carico del bilancio comunale però in arco di tempo trentennale.

A questo punto chiediamo una urgente riunione del Consiglio Comunale, che si impegni alla conservazione dei posti di lavoro e soprattutto avvii una radicale riforma aziendale con conseguenti dimissioni dell’attuale consiglio di amministrazione e predisposizione di un piano per la raccolta differenziata spinta,il riuso e la riduzione della produzione dei rifiuti.

Nel contempo occorre affrontare serenamente la vicenda di Cima Montà ,valutando le risorse da porre a bilancio e le ragioni per cui forse prima non siamo mai state messe, accertando eventuali responsabilità politiche ed amministrative. Ata è un patrimonio collettivo della città di Savona e non può morire o essere privatizzata in questo modo poiché riteniamo che sia ancora possibile salvarla se il Comune vuole effettivamente fare uno sforzo collettivo nell’interesse della città.

Danilo Bruno

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.