IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, Ciangherotti (FI): “Nel nuovo Consiglio dei Ragazzi si candidi anche qualche assessore”

"Sarebbe un modo per non fare più danni alla città"

Albenga. “Mercoledì, in consiglio comunale, siamo chiamati a discutere ed approvare l’Istituzione del Consiglio Comunale dei Ragazzi, una iniziativa simpatica, senz’altro in grado di coinvolgere i più giovani ed avvicinarli alle istituzioni. Come sempre, però, la maggioranza di dilettanti allo sbaraglio guidata dal sindaco Cangiano, fa le cose a capocchia”. Lo afferma il capogruppo di Forza Italia di Albenga Eraldo Ciangherotti.

“Sarebbe stato giusto, e sicuramente maggiormente utile a far crescere il senso civico dei più piccoli, istituire il Consiglio Comunale dei Ragazzi ad inizio legislatura, avendo poi 5 anni per farli lavorare assieme ai consiglieri comunali, e coinvolgere un maggior numero di ragazzi, ascoltando le loro richieste che, magari, avrebbero potuto dare un contributo positivo ad una giunta senza idee. Istituire oggi il Consiglio Comunale dei Ragazzi ha poco senso, anche se meglio tardi che mai. Visto che, comunque, ci saranno nuove votazioni per eleggere i baby consiglieri comunali, suggerisco a qualche esponente della maggioranza, compreso il trio degli assessori Riccardo Tomatis-Alberto Passino-Simona Vespo, di candidarsi, perchè, come diceva Proietti, ‘So’ ragazzi’. Sarebbe un modo per non fare più danni alla città”.

“Quando poi, il prossimo anno, saremo al governo di Albenga ci penseremo noi a far sì che il Consiglio comunale dei Ragazzi diventi un pensatoio giovane per disegnare una città che sia anche a misura di bambino e di adolescente e lasceremo gestire il capitolo del bilancio partecipativo proprio a loro, perché possano partecipare attivamente alle scelte amministrative”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.