IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Piaggio Aerospace, Pd Liguria: “Inerzia del Governo rischia di portare alla chiusura”

“Urgono la calendarizzazione del parere sulla commessa dei droni nelle commissioni parlamentari e la presa di posizione dell’esecutivo”

Regione. “Per Piaggio Aerospace sono necessari la calendarizzazione immediata del parere sulla commessa dei doni nelle commissioni parlamentari e una presa di posizione dell’esecutivo”.

È questo il pensiero del senatore Vito Vattuone, segretario Pd Liguria, dell’onorevole Franco Vazio di Giacomo Vigliercio, segretario Pd Savona, al termine del corteo che ha visto i lavoratori Piaggio Aerospace percorrere le strade di Villanova d’Albenga per un incontro con il sindaco Pietra Balestra.

“Dopo un lungo periodo di difficoltà, iniziato con la crisi del mercato dell’aviazione civile del 2009, – hanno proseguito i rappresentanti del Pd Liguria, – Piaggio Aerospace è riuscita a voltare pagina, approvando nel dicembre 2017 un piano industriale che ha avviato una profonda trasformazione della società, assicurandone nel lungo termine la stabilità finanziaria e operativa”.

“Cardini del nuovo piano industriale l’acquisizione da parte del fondo Mubadala di Abu Dhabi, azionista unico della società, del debito con le istituzioni finanziarie e l’immissione in azienda di liquidità per 255 milioni di euro, ricostituendo in questo modo il capitale sociale dell’azienda e rilanciando l’investimento sui velivoli a pilotaggio remoto”.

“In questa fase di pieno rilancio hanno assunto quindi un rilievo fondamentale le commesse richieste del Governo di Abu Dhabi e dalla nostra Difesa relativi al velivolo P.2HH, interamente progettato, sviluppato e prodotto in Italia presso il centro aerospaziale di Villanova D’Albenga”.

“Dopo le rassicurazioni fornite al Parlamento dal Ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, sul proseguimento del programma, la questione è scomparsa dall’agenda del Governo che, ad oggi, non è riuscito a formalizzare la sua posizione in merito alla commessa di 20 droni, più volte sollecitati dall’Aeronautica Militare. L’attuale situazione di stallo sta rendendo impossibile agli azionisti proseguire sulla via tracciata dal piano industriale e mettendo a serio rischio di liquidazione la Piaggio Aerospace”.

“È necessaria e indispensabile la calendarizzazione immediata del parere nelle Commissioni parlamentari circa il provvedimento di acquisizione dei droni e una rapida presa di posizione del Governo, in merito alla situazione della Piaggio Aerospace, che oggi conta 1.200 dipendenti a cui si aggiungono i lavoratori dell’indotto (solo ad Albenga la società Laerh conta circa 80 dipendenti) e rappresenta un patrimonio di competenze essenziale per il nostro Paese e per un moderno sistema di difesa e sicurezza”, hanno concluso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.