Medaglia d'Oro - IVG.it

Lettera al direttore

Storia

Medaglia d’Oro

lapide camicie nere

Il Comune di Savona omaggia le “Camicie Nere” e dimentica il quarantennale della concessione della medaglia d’oro al Valor Militare alla Città per la partecipazione dei suoi cittadini alla lotta di Resistenza al nazi-fascismo.

Sono infatti già passati i quarant’anni dal 2 giugno 1978 quando in una solenne cerimonia in Piazza Mameli il gonfalone della nostra Savona è stato decorato della più alta onorificenza.

Si trattò di una cerimonia partecipata dall’intera cittadinanza, una espressione di grande fede democratica alla quale presero parte le più alte cariche dello Stato.

Il discorso celebrativo fu pronunciato dall’onorevole Pietro Ingrao, in quel momento Presidente della Camera dei Deputati. Il Governo era rappresentato dal ministro Marcora.

Nella giornata precedente all’on. Sandro Pertini, che nel mese successivo sarebbe stato eletto presidente della Repubblica, fu attribuita la cittadinanza onoraria della Città nel corso di una cerimonia svoltasi nella sala consiliare del Comune presieduta dal Sindaco Zanelli.

Si possono trovare gli interventi svolti all’epoca nel volume “Savona – 1860 -2002 : gli amministratori della Città”realizzato su iniziativa della presidenza del Consiglio Comunale in quel momento retta da Sergio Tortarolo.

Il volume è curato da Bruno Vadone con una prefazione di Giagi Assereto e interventi di Alberto Bianco, Silvia Bottaro e di chi ha redatto questa nota.

Una dimenticanza grave: una lacuna che andrebbe colmata, invitando le associazioni democratiche di farsene carico anche per produrre ancora una volta una necessaria testimonianza della forte vocazione democratica e antifascista della nostra Città.

Franco Astengo

leggi anche
  • Resistenza
    “Camicie nere” sulla lapide per i caduti della Seconda Guerra Mondiale, ora è scontro: coperta la scritta
    camicie nere lapide

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.