IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Marcia acquatica: Alassio a caccia del record mondiale foto

Sabato la competizione nelle tre discipline, domenica il tentativo di superare il record tunisino di 247 partecipanti

Alassio. Una due giorni dedicata ad una disciplina ancora poco conosciuta e praticata, almeno in Italia, dove al momento Alassio è l’unica sede e scuola riconosciuta dalle federazioni nazionale ed internazionale.

Parliamo di wave walking, più semplicemente camminata nell’acqua, e parliamo della prima Alassio International French Water Walking che si terrà sabato 20 e domenica 21 ottobre ad Alassio con partenza dal tratto di spiaggia davanti a piazza Partigiani.

Una nuova disciplina che proviene dai paesi nordici – spiegano Maddalena Canepa e Lorena Rasolo, le istruttrici del Cnam Alassio che hanno dato il via al movimento in Italia -, già esplosa nella vicina Francia. Lo dice il nome, camminare tra le onde, ma non è una semplice passeggiata nell’acqua: vi sono particolari accorgimenti che mirano all’annullamento del peso corporeo, per un’attività aerobica supportata da un corretto ed efficace lavoro articolare e muscolare. Alcuni fra questi, il livello d’immersione tra l’ombelico e il petto, l’inclinazione del busto, il movimento alternato di braccia e gambe, e, volendo, l’utilizzo di palette da nuoto o di apposite pagaie. Per chi ama camminare e ama il mare, ecco un’attività che unisce entrambe le cose. Si tratta di una disciplina prevalentemente invernale, che si avvale dell’utilizzo di mute e calzari anche se le temperature delle nostre zone, anche durante questi mesi, permettono di immergersi senza difficoltà”.

Ad Alassio – continuano Maddalena e Lorena – saranno testate nuove modalità di gara alla presenza di una commissione della FFRandonnée che valuterà attraverso le prove dei diversi campioni iscritti, tra cui Sophie Chipon pluricampionessa francese di Mandelieu; suo figlio Andrè e Bruno Chipon, campioni di categoria junior; Flavien Amela di Antibes, vincitore delle selezioni francesi 2018 insieme a Soso Jaquot di Hyères, i campioni di Francia 2018 della categoria Senior Yoann Coedel ed Amandine Andriex dalla Bretagna, i campioni di Francia 2018 categoria V1 Arnaud Fantapiè e Patricia Neuville”.

Il mare è la nostra ragione d’essere – spiega Ennio Pogliano, presidente del Cnam Alassio, associazione quasi centenaria da sempre dedicata agli sport marini quali vela e windsurf -. Quando ci hanno proposto l’affiliazione alla Federazione Italiana Escursionisti per sviluppare la disciplina del wave walking non abbiamo avuto esitazioni, l’abbiamo anzi considerata una naturale competenza di una associazione che ha costruito la sua storia sul mare”.

Sabato quindi il via al primo evento di marcia acquatica in Italia organizzato dal Circolo Nautico Al Mare di Alassio, insieme alla Federazione Italiana Escursionismo (FIE), la Federazione Francese Escursionismo (FFRandonnée) e l’associazione internazionale Longe Côte Méditerranée.

Sarà intitolata alla memoria di Roberto Gravagno – spiegano ancora Maddalena e Lorena – che con noi aveva dato il via a questa avventura e che ci ha lasciate da poco, troppo presto”.

Tre le discipline: All Two, 400 metri in coppia (femminile, maschile o mista) per categorie di età, con o senza guanti palmati e palette; Super Eighties Slalom, ovvero 100 metri in solitaria, per categoria di età e di genere, con pagaia; e Team Event, staffetta 4×50 metri in squadra mista due uomini e due donne in più manche.

Domenica mattina scatterà invece la caccia al record mondiale per la serpentina acquatica più lunga al mondo. Il primato da superare è quello registrato lo scorso anno in Tunisia di 247 partecipanti su una lunghezza di 5 chilometri. L’invito è quindi esteso a tutti gli alassini e gli sportivi in generale. Per conquistare il record non occorre infatti una particolare preparazione, ma semplicemente prendere parte all’evento, andando ad allungare la serpentina umana che si formerà nell’acqua.

Una parte dell’incasso delle iscrizioni sarà destinato all’associazione umanitaria di Ceriale I run for find the cure.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.