IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il fascino eterno del Musical

Più informazioni su

La musica ha da sempre coinvolto i popoli di tutto il mondo con lo scopo di tenere compagnia, liberare dalle tensioni e migliorare le relazioni sociali. Fin dall’inizio dei tempi la musica è stata l’espressione artistica appartenente a tutte le culture del nostro pianeta e si è dunque manifestata in modi sempre diversi. Uno dei generi più apprezzati e sempre attuali è il musical.

Musical ed eroi di altri tempi

Genere di rappresentazione teatrale e cinematografica, il musical è derivato dall’operetta europea, adattato e sviluppato negli USA in base al gusto e ai costumi statunitensi tra il 1800 e il 1900. Ma è durante gli anni della Grande Depressione che questo imperversa, rivestito di splendore grazie agli effetti speciali degli studi di Hollywood. Negli anni ’50 arrivano nelle sale i grandi colossal, come Singin’ in the Rain, Sette spose per sette fratelli e My Fair Lady, pellicole che riuniscono tutta la famiglia e celebrano i valori rassicuranti e spensierati della buona società: la vita famigliare, i primi amori, il buonumore. Il musical da sempre rappresenta un antidoto alle preoccupazioni della vita di tutti giorni, da seppellire con una risata, distraendosi con romaniche storie d’amore, canti e balli, insieme alla speranza che, alla fine, tutto sarebbe andato per il meglio: una rappresentazione emblematica “del sogno americano”. Per gli appassionati di canzoni e danze è un gran divertimento poter passare un paio d’ore lasciandosi trasportare dalle storie d’amore e le vicende rocambolesche dei protagonisti. I popolari eroi a stelle e strisce di Grease, per esempio, imperversano ogni stagione nei teatri, il musical del 1978 viene riproposto ciclicamente in televisione e il successo della pellicola è stato tale da ispirare tutta una serie di prodotti a latere, come addirittura slot machine nei casinò online, che riprendono le intramontabili canzoni di John Travolta e Olivia Newton-John, ma anche i simboli del musical cult.

I nuovi musical dagli anni ’70 al ventunesimo secolo

Negli anni ’70 la musica cambia e il musical si fa più giovanile e spregiudicato. Sono gli anni del già menzionato Grease che porta alla ribalta il mondo dei giovani e delle loro passioni, ma soprattutto del rivoluzionario The Rocky Horror Picture Show, che rimane uno dei musical più riproposti nei cinema e nei teatri. Con il Roby Horror il musical canta di libertà, sesso, trasgressione e libertinaggio, il tutto cadenzato da un ritmo travolgente e ritornelli indimenticabili (è impossibile non ballare al suono di Let’s do the Time Warp again). Forse è proprio il clima d’incertezza del nuovo millennio che ha riportato in voga il genere. Tra i musical più popolari dell’ultimo decennio non si può non menzionare La La Land, con la sua storia romantica e la colonna sonora che riprende il Jazz degli anni ’50.

Musical e folklore in Italia

L’Italia non è di certo da meno. La musica in generale riveste nel nostro paese un ruolo importantissimo, come testimoniano i sempre più eventi organizzati che hanno come protagonista il viaggio che la musica ha intrapreso attraverso le ere: dalla musica medievale, all’operetta europea, passando per la musica folkloristica, fino ad arrivare al musical di Broadway. Festival che coronano il sogno musicale in ogni sua veste impazzano per lo Stivale, riportando alla ribalta vecchie operette degli anni ’60, come “Rinaldo in Campo” e “Rugantino” oppure il sempre attuale “Aggiungi un posto a tavola” nel ’74, sino ad arrivare ai più recenti “Notre Dame de Paris” e “Peter Pan” con le musiche dei cantautori nostrani Cocciante e Bennato.

Il successo di questa e altre pellicole musicali testimonia che, nonostante le avversità e le preoccupazioni, giovani e meno giovani hanno sempre voglia di trovarsi insieme a cantare e a scordare gli affanni quotidiani, sperando in un finale felice come quello dei musical.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.