Albenga, sbandati e senzatetto “occupano” l’atrio della stazione ferroviaria. Ciangherotti: “Il Comune deve fare qualcosa” - IVG.it
Presenza costante

Albenga, sbandati e senzatetto “occupano” l’atrio della stazione ferroviaria. Ciangherotti: “Il Comune deve fare qualcosa”

“Albenga va curata in ogni dettaglio per fare impresa ed economia, non per far scappare i visitatori”

Abusivi stazione Albenga

Albenga. La stazione ferroviaria di Albenga (anche se non di certo non l’unica della Provincia) è stata nuovamente trasformata in una sorta di dormitorio da sbandati e senzatetto. Sono sei le persone, probabilmente senza fissa dimora che, ormai da giorni, hanno trasformato lo scalo ferroviario ingauno in una sorta di rifugio sicuro, tra le proteste dei pendolari e dei commercianti della zona.

Armati di coperte, stuoini di fortuna e stracci, “occupano” a’trio della stazione di notte e di mattina, dormendo sdraiati sul pavimento o accovacciati sulle sedie.

Una situazione che non è passata inosservata agli occhi del consigliere di minoranza Forza Italia Ciangherotti che, attraverso la sua pagina Fecabook, ha esternato tutto il suo malcontento: “I turisti in arrivo ad Albenga, ormai sempre più di frequente, ‘godono’ di questa immagine nell’atrio. Per la sinistra al governo di palazzo civico questo spettacolo è normale utilizzo delle aree pubbliche”.

“Per me, invece, è arrivato il momento di dire basta con il buonismo, la zona va liberata da queste risorse umane. Il Comune ora deve fare qualcosa. Ci penseremo noi, a breve. Albenga va curata in ogni dettaglio per fare impresa ed economia, non per far scappare i visitatori”, ha concluso l’amministratore albenganese.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.