Ordinanza tir, il "Meetup delle Albissole" critico: "Non migliora la sicurezza" - IVG.it
All'attacco

Ordinanza tir, il “Meetup delle Albissole” critico: “Non migliora la sicurezza”

L'accusa: "L’intento dell’ordinanza è stato chiaramente quello di ammansire la cittadinanza"

Albisola Superiore. “Un cioccolatino dal sapore amaro”. Così il Meetup delle Albissole definisce l’ordinanza riguardante il divieto di uscita/entrata dal casello di Albisola Superiore ai mezzi superiori alle 7,5 tonnellate dalle 15 alle 21 di tutti i venerdì dei mesi estivi.

“Il Sindaco Franco Orsi ha emesso, dopo mesi di proteste da parte dei Comitati cittadini, un’ordinanza. Il risultato potrebbe sembrare a prima vista positivo, ma è davvero cosi?” si chiedono dal Meetup delle Albissole da dove chiariscono: “La risposta che è stata data allo scopo di ridurre la morsa in cui è soffocata Albisola Superiore dal traffico dei mezzi pesanti è del tutto insufficiente, visto che il divieto non ridurrà in alcun modo i disagi dei cittadini albisolesi, i quali si trovano a dover convivere con il traffico rappresentato dai mezzi pesanti tutto l’anno e non solo i venerdì pomeriggio estivi. L’ordinanza poi non migliorerà per nulla la loro sicurezza, aspetto di cui il Sindaco in prima persona risulta pienamente responsabile nell’esercizio delle sue funzioni. Da questo provvedimento chi avrà un vantaggio, anche se minimo, saranno soltanto i turisti che arrivano nella nostra cittadina il venerdì sera” dice Stefania Scarone Portavoce Meetup delle Albissole.

“Il punto fondamentale è infatti rappresentato dalla sicurezza, per la quale l’Amministrazione comunale non sta facendo nulla al riguardo, nonostante ci siano continuamente incidenti su Corso Mazzini e Corso Ferrari, anche mortali. Nessuna proposta, nessun neanche piccolo investimento in misure che migliorino le condizioni di sicurezza in cui si trovano le vie cittadine soffocate dal traffico; semplicemente ‘orecchie da mercante’. L’intento dell’ordinanza è stato chiaramente quello di ammansire la cittadinanza, con la concessione di un ‘cioccolatino’ che è totalmente insufficiente, cercando di causare il minor disagio possibile al Comune di Savona e all’autorità portuale.

“Ma c’è a questo riguardo da chiedersi una cosa: i mezzi pesanti superiori a 7,5 tonnellate che escono/entrano al casello di Albisola, visto che per la quasi totalità sono diretti al Porto di Savona, avrebbe senso che uscissero ad Albisola se Savona non avesse un suo casello di uscita. Ma poiché non è cosi, perché Albisola è diventata di fatto il casello est di Savona, con tutte le conseguenze negative del caso? Le due Amministrazioni comunali capeggiate dal Sindaco Orsi non hanno fatto nulla in questi nove anni per migliorare la viabilità e la sicurezza cittadina ed ora sollecitate dai cittadini esasperati è arrivata la mini ordinanza. Perché solo ora? Non poteva essere emessa prima?” concludono dal Meetup delle Albissole che continuerà la propria raccolta firme della petizione pubblica, indirizzata, oltre ai Sindaci delle due Albisole, anche alla Regione Liguria finché “non avrà delle risposte serie ed adeguate al riguardo”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.