IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, il parcheggio di via Saredo torna a pagamento: la protesta di chi ha investito per un “posto auto privato” fotogallery

C'è stato chi ha investito fino a 34 mila euro per avere un posto auto in un parcheggio privato e ora si ritrova nella stessa condizione iniziale

Più informazioni su

Savona. Qualcuno aveva deciso di investire diverse decine di migliaia di euro nel timore di non avere più il posto auto vicino a casa e anche nella speranza di poter parcheggiare in tutta sicurezza, conoscendo bene i propri “vicini di stallo” e quindi evitando sorprese come “graffi anonimi” o “ammaccature indesiderate”. Ora, però, la proprietà ha cambiato idea e perciò è tutto da rifare, con buona pace di chi aveva scelto di spendere tutti in una volta i costi della sosta giornaliera.

Tornano al centro della cronache i parcheggi di proprietà di Ata spa in via Saredo a Savona, che già lo scorso anno erano stati al centro di una polemica politica che aveva visto aspre critiche da parte di Pd e M5S rivolti ai vertici della società partecipata e all’amministrazione comunale savonese.

Come noto, in più occasioni Ata aveva messo all’asta i vari posti auto nella speranza di poter dare ossigeno alle proprie casse. I posti auto erano messi in vendita, singolarmente, e con prezzi diversi in base alla tipologia: 20.500 euro per il posto standard, 34.200 euro per il posto auto large e 25 mila euro per il posto auto medium. A questi costi vanno aggiunte le “spese di legge”.

Le varie aste, purtroppo, non hanno ottenuto il successo sperato: solo in dodici, infatti, hanno deciso di acquistare uno dei quasi 150 stalli resi disponibili per la vendita. Un “flop” che, di recente, ha spinto la società a tornare sui propri passi e all’antico: nelle ultime ore, infatti, nel parcheggio di via Saredo sta facendo nuovamente capolino il “gabbiotto” che ospita il parcometro precedentemente rimosso. I parcheggi diventati nel frattempo di proprietà privata sono stati invece dotati di dissuasori per evitare che altri non autorizzati vi lascino l’auto.

Dunque quest’area pare destinata a tornare ad essere un semplice parcheggio a pagamento, con buona pace di quanti hanno deciso di investire fino a 34 mila euro per acquistare un posto auto in un parcheggio privato. Una cifra che, considerando i costi massimi per la sosta durante tutto l’arco della giornata (10 euro al giorno) e la “una tantum” per la sosta di una intera notte (2 euro) sarebbe stata spesa addirittura in 7 anni, se non in 34 anni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.