IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nuove opere d’arte contemporanee, collaborazioni e progetti per il Museo della Ceramica di Savona fotogallery

Riallestimento delle collezioni con un occhio a modernità e tecnologie

Savona. Tante novità stanno interessando il prestigioso Museo della Ceramica, a Palazzo Gavotti: la tradizione artistica e artigianale locale sposa sempre di più l’arte contemporanea internazionale e ci sarà spazio anche per la musica, l’innovazione tecnologica e la ricerca. Questa la “road map” tracciata dalla direttrice Tiziana Casapietra e dal vicepresidente della relativa fondazione Luca Barbero.

Il progetto di riallestimento apporta una visione crossdisciplinare del patrimonio ceramico inteso come ponte in grado di coniugare la storia con la modernità. Ciò prevede la valorizzazione delle collezioni con il riordino delle raccolte storiche in previsione del nuovo ingresso al Museo da via Aonzo e l’inserimento di opere di artisti contemporanei locali e non solo.

“La nostra idea è di far diventare dinamico il museo così com’è la stessa storia dell’arte ceramica, che si è sempre adattata a tutte le epoche e correnti – spiega Casapietra – Nei quattro piani di visita sono esposte oltre mille opere che documentano la secolare tradizione ceramica di Savona e delle Albisole, caratterizzata da una grande apertura delle manifatture verso altre culture, dalla contaminazione degli stili e dalla sperimentazione. Il museo che immaginiamo è un organismo vivo e vivace che segue l’evoluzione del tempo”.

Presentazione nuove collezioni Museo della Ceramica di Savona

L’inserimento delle opere contemporanee verrà attuato, quando possibile, coinvolgendo direttamente gli autori. Tra quelle già in esposizione è di particolare valore la “Ceramica per l’Antropocene”, la cui genesi è frutto insieme dell’abilità della mano umana di Francesca Perona e della precisione di un braccio robotico.

Oltre al lavoro con gli artisti sono state siglate varie collaborazioni, prima fra tutte con Tpl Linea, che dà accesso gratuito agli abbonati del trasporto pubblico al sabato mattina. Il Progetto Giovani propone ai ragazzi fino a 18 anni di produrre tramite social un elaborato ispirato alle collezioni del museo: quello del primo classificato verrà esposto per un mese nel museo, gli altri potranno vedere le loro opere sul sito web. Un altro progetto, “Comprendere l’arte passeggiando con il direttore”, consisterà in visite serali ogni venerdì d’estate dalle 20:30 alle 22 insieme alla direttrice Tiziana Casapietra.

Infine i vertici del museo promuoveranno le collezioni all’estero, in particolare in Cina grazie alla collaborazione con la città di Quinzhou, e si avvaloreranno del contributo dell’architetto Nicolò Casiddu per la realizzazione di un sistema di visita virtuale tramite visori ottici.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.