IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, il consigliere Nucera: “Assurdo pensare alla realizzazione di un Cie nella nostra città”

“In Liguria ci sono altre 3 o 4 zone ‘depresse’ dove un Cie potrebbe diventare un’occasione e non un problema”

Più informazioni su

Albenga. Cie ad Albenga. Dopo i botta e risposta che hanno visto coinvolti, seppur a distanza, il sindaco di Albenga Giorgio Cangiano, il governatore della Regione Giovanni Toti e il ministro dell’Interno Matteo Salvini, e le prese di posizione assunte da tanti politici locali, anche il consigliere di minoranza di Albenga Massimiliano Nucera entra nella querelle, per dire un secco “No” all’ipotesi di un Cie all’ombra delle torri albenganesi.

“In merito alla polemica di questi ultimi giorni riguardante la possibilità che sia previsto in Albenga un Centro di Identificazione ed Espulsione penso siano d’obbligo alcune elementari considerazioni, – ha esordito Nucera. – La localizzazione di una struttura del genere obbliga ad analizzare le realtà nelle quali si va ad inserire considerando le economie esistenti consolidate ed evitare di compromettere equilibri economici e sociali”.

“Le considerazioni fin qui esposte sono di una ovvietà disarmante, oserei dire elementari. È per questo che mi chiedo come possa venire in mente ad un qualunque funzionario o dirigente del ministero o ad un qualsiasi politico di pensare ad Albenga per la realizzazione di un Cie”.

“Allora proviamo a dare una risposta a delle domande. Si ritiene che una qualunque città ligure prospettante sul mare possa accogliere un Cie? Le città costiere liguri vivono di turismo e non credo che un Cie sia compatibile con l’industria turistica”.

“Il mercato immobiliare della seconda casa crea una economia importante per le città costiere liguri? Certamente l’inserimento di un Cie comprometterebbe i valori degli immobili poiché gli investitori andrebbero sicuramente ad operare altrove”.

“Le aree ipotizzate, caserma Piave o Polveriera, sarebbero logisticamente idonee? La Piave è in centro città è un Cie provocherebbe inevitabilmente disagi e tensioni sociali; la Polveriera è situata a poche centinaia di metri dalla frazione di Campochiesa e anche qui si creerebbero disagi e tensioni sociali”.

“Fatte queste considerazioni, che io farei salve non solo per Albenga ma per tutte le città costiere proviamo a pensare dove un Cie potrebbe diventare una occasione economica occupazionale e di recupero urbanistico. Esistono aree industriali dismesse dell’entroterra ligure che potrebbero essere convertite? Esistono realtà che vivono un momento di crisi occupazionale e che potrebbero avere la necessità di vedere inserite attività che portino posti di lavoro come potrebbe essere un Cie?”

“Ecco, basterebbe seguire questo schema logico ed ecco che in Liguria vengono in mente almeno 3/4 zone depresse dove un Cie potrebbe diventare una occasione economica importante anziché un problema”, ha concluso Nucera.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.