Valbormida, Cobas: "I sistemi di riscaldamento devono restare in funzione" - IVG.it
Freschino

Valbormida, Cobas: “I sistemi di riscaldamento devono restare in funzione”

"“La situazione meteorologica è nuovamente peggiorata con crollo delle temperature. In molte case fa freddo e gli anziani usano le stufe per riscaldarsi"

Calorifero, riscaldamento

Valbormida. “I sistemi di riscaldamento devono restare in funzione”. E’ questa la richiesta che arriva da Franco Xibilia di Cobas Utenti della Valbormida.

“La situazione meteorologica è nuovamente peggiorata con crollo delle temperature. In molte case fa freddo e gli anziani usano le stufe per riscaldarsi – dice Xibilia – Di fronte a questa situazione, i sistemi di riscaldamento centralizzato devono continuare a funzionare per far fronte alle esigenze della popolazione cairese e valbormidese. Che senso può avere aver preteso illegittimamente spese elevate per il sistema fallimentare delle valvole termostatiche, legittimo solo se crea risparmio per le famiglie e poi chiudere il riscaldamento prima dell’estate? Chi ci guadagna e chi ci perde? Ci perdono gli anziani, i disabili, gli invalidi, gli allettati, i malati cronici, coloro che non si muovono e non possono difendersi. Ci guadagnano gruppi economici”.

“Pertanto, molta gente si rivolge a Cobas Utenti perché richieda nuovamente un approccio facoltativo al sistema di riscaldamento, con le basse temperature di questi giorni. Cobas utenti chiede ai sindaci di intervenire”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.