IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Trasporto pubblico locale, i lavoratori Tpl in sciopero: venerdì 25 maggio niente bus fotogallery video

Tpl Linea non potrà garantire l’esecuzione del servizio di trasporto pubblico

Provincia. Si terrà domani, venerdì 25 maggio, lo sciopero di 24 ore  dei lavoratori di Tpl Linea indetto dalle segreterie provinciali di Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltraporti e Faisa-Cisal per protestare contro l’ipotesi di privatizzazione del servizio di trasporto pubblico locale. Nel corso della manifestazione si terrà un volantinaggio in piazza Mameli a Savona.

In particolare, le organizzazioni sindacali protestano contro “la procedura ad evidenza pubblica per l’affidamento in concessione del servizio di trasporto pubblico locale nell’Ambito Territoriale Ottimale omogeneo della provincia di Savona” e contro “la privatizzazione dell’azienda di trasporto pubblico locale di Savona.

“Le lavoratrici e i lavoratori autoferrotranvieri di Tpl Linea di Savona oggi sono nuovamente in sciopero per lottare contro la privatizzazione del servizio di trasporto pubblico locale – spiegano i sindacati – Occorre ricordare che non tanto tempo fa, per recuperare una pesante situazione economica dell’azienda che ne stava compromettendo la continuità stessa, tutti quanti i lavoratori sono stati coinvolti al salvataggio della società attraverso una contrazione dei volumi di servizio ed un aumento delle tariffe. Nel contempo anche i lavoratori subirono una pesante opera di risanamento, non solo con un peggioramento delle loro condizioni di lavoro ma anche attraverso dei licenziamenti. Tutti insieme, però, in quei momenti veramente difficili e con spirito di sacrificio abbiamo contribuito a risollevare le sorti dell’azienda permettendole di continuare a svolgere la missione propria del trasporto pubblico locale. Quella di un servizio legato alla socialità. Oggi che Tpl Linea ha i bilanci in positivo la volontà della politica è quella di consegnarla ai privati. E’ possibile?”

E poi l’appello:“Cittadini della provincia di Savona, non consentiamo lo smantellando dell’attuale sistema del trasporto di persone oggi totalmente pubblico. Non consentite che la vostra azienda, quale vostro patrimonio costruito negli anni attraverso le tasse a voi imposte, venga svenduta ad un privato che non potrà mai restituirvi quanto versato. Noi riteniamo che Tpl linea debba restare una società interamente pubblica al servizio di tutti i cittadini del territorio savonese, dove deve prevalere l’aspetto legato alla socialità e non al profitto che sarà invece l’obiettivo dell’eventuale operatore privato. La gara per il trasporto pubblico locale savonese sarà la dimostrazione che con questo sistema l’eventuale nuovo operatore guadagnerà e i cittadini perderanno”.

Il personale viaggiante incrocerà le braccia da inizio servizio alle 5 e dalle 8.30 alle 17.30 e dalle 20 a fine servizio; il personale degli impianti fissi salterà tutto il turno; il personale esentato aderirà in base agli accordi vigenti.

“Nella fascia oraria dello sciopero del trasporto pubblico locale, Tpl Linea non potrà garantire l’esecuzione del servizio di trasporto pubblico – si legge in una nota dell’azienda – Non si escludono, inoltre, lievi disagi immediatamente prima e dopo le ore di sciopero programmato. L’azienda si scusa con gli utenti per i possibili disservizi causati”.

Per ulteriori informazioni sui servizi Tpl è possibile contattare il numero 019 2201231 (attivo nei giorni feriali dal lunedì al venerdì dalle 7.15 alle 17.30 e il sabato dalle 7.15 alle 13) e il sito internet all’indirizzo www.tpllinea.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.