IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

In tribunale la prima udienza del processo “Bonello” foto

A giudizio ci sono Alberto Bonvicini, Mauro Acquarone e Roberto Debenedetti, tra i testimoni citati dal pm anche l'ex Vescovo Lupi

Savona. Prima udienza questa mattina del processo per il “caso” Bonello che vede a giudizio Alberto Bonvincini, allora comandante della polizia postale di Savona, per omicidio colposo, circonvenzione d’incapace, truffa e falso, insieme a Mauro Acquarone (avvocato Paolo Nolasco e Fausto Mazzitelli), ex marito della vittima e medico, accusato anche lui di omicidio colposo e il dottor Roberto Debenedetti (avvocato Rosanna Rebagliati), medico curante di Bonvicini, che secondo la Procura gli avrebbe rilasciato dei certificati falsi (per la precisione undici per “gastroenterite acuta” e diciannove per “crisi ipertensive”) utilizzati dal dirigente della polizia postale per giustificare l’assenza dal lavoro mentre, sempre secondo la tesi dell’accusa, anziché essere in malattia, era impegnato in attività personali.

Quella di oggi è stata un’udienza filtro che è servita alle parti per presentare le liste dei testimoni (tra quelli del pm c’è indicato anche l’ex vescovo di Savona Monsignor Vittorio Lupi), una serie di eccezioni preliminari (in parte respinte dal giudice Marco Canepa) e per calendarizzare le prossime udienze.

Il processo ha preso le mosse dalle indagini effettuate dopo la morte della dottoressa Luisa Bonello, trovata senza vita il 19 settembre del 2014 nella sua casa al civico 17 di via Genova a Savona. Secondo la Procura non ci sono dubbi sul fatto che la donna si sia suicidata, ma il pm ritiene che non sia stato fatto abbastanza per impedire che la dottoressa continuasse a tenere in casa diverse armi, tra cui la pistola con la quale quel 19 settembre si era sparata.

Di qui la contestazione del reato di omicidio colposo per Bonvicini, al quale viene contestato di “non aver impedito la morte di Luisa Bonello” perché pur essendo a conoscenza del suo “stato di grave dipendenza da sostanze psicoattive e del possesso e del costante utilizzo da parte della donna di armi comuni da sparo” non ha provveduto in qualità di pubblico ufficiale al ritiro dei fucili e delle pistole che la dottoressa deteneva senza i necessari requisiti. Stessa accusa che viene contestata, in concorso, anche all’ex marito di Luisa Bonello, Mauro Acquarone, che era anche il suo medico curante: conoscendo la situazione della vittima (che soffriva di depressione ed aveva già tentato il suicidio) sarebbe dovuto intervenire perché non avesse più la possibilità di tenere le armi.

Oltre al filone sul suicidio, l’indagine scaturita dalla morte di Luisa Bonello aveva portato all’apertura di un’inchiesta “bis” che ruotava intorno all’ispettore della polizia postale Alberto Bonvicini che infatti è stato poi rinviato a giudizio per circonvenzione d’incapace, truffa ed, in concorso con il suo medico medico curante, Roberto Debenedetti, per falso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.