A disposizione

Open-day al patronato Inca-Cgil con “Inca in piazza”

Sabato 24 marzo dalle 9 alle 12

Patronato Inca Cgil

Savona. Sabato 24 marzo dalle 9 alle 12 si terrà l’open day Cgil dedicato ai servizi di tutela individuale. L’iniziativa, dal titolo “Inca in Piazza”, è promossa dalla Cgil e dal patronato Inca in 120 piazze dell’intero territorio nazionale. In provincia di Savona sarà articolata in una apertura straordinaria della Camera del Lavoro di Savona in via Boito 9R, della Cgil di Albenga e di Cairo Montenotte.

“Ogni giorno sono centinaia le persone che si rivolgono alle sedi Cgil sul territorio e molte di queste sono interessate ad avere informazioni o ad aprire pratiche relative all’attività dell’Inca – spiegano dal patronato Inca-Cgil – Il patronato sarà a disposizione di quanti avranno necessità di chiedere informazioni a vecchi e nuovi bisogni per lavoratori, pensionati e per l’intera cittadinanza. In particolare il patronato è attivo per il controllo e la rettifica delle posizioni assicurative, le ricongiunzioni dei periodi previdenziali, riscatti, per richiedere e verificare assegni al nucleo familiare, maternità, malattia, indennità di disoccupazione; il patronato si occupa anche di prestazioni di invalidità civile e assegno di accompagnamento e, in prossimità della pensione, Inca offre l’assistenza necessaria per valutare l’esistenza di tutti i requisiti e per calcolare l’importo presunto della pensione; per chi va in pensione Inca provvede alla presentazione delle domande per anzianità, vecchiaia, assegno di invalidità e inabilità e infine a verificare la misura delle prestazioni; in caso di infortunio sul lavoro e malattia professionale gli operatori e i medici legali dell’Inca intervengono per ottenere il giusto riconoscimento del danno subito”.

“Nel corso degli ultimi due anni il patronato Inca di Savona ha svolto oltre 20 mila pratiche, di cui più di 10 mila disoccupazioni e di altre forme di sostegno al reddito, oltre 2 mila invalidità civili e circa 4 mila tra domande di pensione e pratiche previdenziali. Inoltre, più di 5 mila persone sono state accompagnate nei vari percorsi di tutela dei danni alla salute, che vanno dai rapporti con l’Inail fino al riconoscimento del danno differenziale”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.