IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il basilico genovese D.O.P. nella cultura gastronomica ligure: dai primi piatti fino ai dessert

"Alimentar-Mente 360" è la rubrica di alimentazione e benessere di IVG, a cura di Sara Paleologo

Più informazioni su

“Alimentar-Mente 360” è una rubrica curata dalla dottoressa Sara Paleologo, biologa nutrizionista, ed ideata per soddisfare a 360 gradi le curiosità dei savonesi in materia di Alimentazione e Benessere. Il tutto con un linguaggio semplice ma sempre mantenendo una lieve impronta scientifica. “Prenderò spunto da eventi che si svolgono a Savona e provincia – spiega Sara – per elaborare articoli in cui verrà affrontato il tema dell’alimentazione (piatti tipici locali, tradizioni e stili alimentari) e del benessere (sia fisico che psicologico), in linea di massima proiettando la trattazione verso gli aspetti che maggiormente promuovono la salute della persona”.

Partiamo dal presupposto che c’è basilico e basilico. D.O.P. è l’acronimo di “Denominazione d’Origine Protetta”, dicitura che sta ad indicare che un alimento presenta delle caratteristiche determinate dal territorio di origine. Il basilico è una pianta aromatica la cui essenza risente fortemente dell’ambiente di coltivazione infatti è stato dimostrato che gli oli essenziali in esso contenuti sono differenti quando il basilico è coltivato sul versante marino della Liguria rispetto a tutte le altre zone. Pertanto la certificazione del Basilico Genovese D.O.P. è la garanzia di portare in tavola un prodotto davvero inimitabile. Ovviamente la garanzia deriva da un preciso disciplinare di produzione e da controlli specifici attuati degli enti preposti.

Il Basilico Genovese D.O.P. viene coltivato in serra e la raccolta prevede l’estirpazione di tutta la piantina, radici comprese. Dopo di che le piantine vengono confezionate in bouquet e avvolte da una carta per alimenti marchiata con i loghi ufficiali. Il basilico genovese ha un sapore molto delicato e un profumo decisamente inconfondibile. Questa pianta aromatica, inoltre, contiene alcuni minerali indispensabili per il buon funzionamento dei nostri muscoli (potassio, magnesio e calcio) e diverse vitamine, prime tra tutte, la vitamina C.

Insomma sono tanti i motivi per i quali è bene non rinunciare al basilico. Il basilico è il protagonista indiscusso del pesto, condimento che troviamo abbinato con la pasta o sulla focaccia; le foglioline le possiamo aggiungere per insaporire le insalate estive o un buon sugo con il pomodoro. Tempo fa in un noto ristorante genovese ho assaggiato la panna cotta al basilico, un dessert davvero unico ed originale.

Su internet si possono trovare diverse ricette, tutte di facile preparazione. Provare per credere. Colgo l’occasione per ricordare che questa è la settimana del pesto e sono davvero tante le iniziative organizzate in tutta la regione. Sabato, a Genova, e domenica negli oltre 90 Comuni liguri che hanno aderito, è possibile firmare i moduli a sostegno della candidatura del pesto come Patrimonio immateriale dell’Umanità dell’UNESCO.

Io farò la mia parte e spero che i lettori di IVG facciano altrettanto. Sereno weekend a tutti

“Alimentar-Mente 360” è la rubrica di alimentazione e benessere di IVG, a cura di Sara Paleologo: clicca qui per leggere tutti gli articoli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.