Quanto mi costi

Attestato di prestazione energetica, Savona tra le più care d’Italia: quasi 200 euro per un bilocale

E' la provincia ligure in cui si spende di più

attestato classe energetica

Liguria. Nel 2017 la spesa per la redazione dell’attestato di prestazione energetica cresce ancora in tutt’Italia. L’Osservatorio di ProntoPro, il portale dei professionisti che mette in contatto domanda e offerta di lavoro professionale, artigianale e aziendale, esaminando in modo particolare i preventivi inviati dai certificatori energetici liguri ha scoperto che la spesa media è pari a 185 euro.

Prendendo a campione un bilocale di 79 mq, si scopre che Genova ha visto un aumento dei prezzi pari al 12% rispetto all’anno precedente. Nel capoluogo di regione infatti nel 2017 si sono spesi 180 euro per la redazione di un attestato di prestazione energetica.

Per quanto riguarda le altre province, in generale si può dire che in tutta la regione si spende di più rispetto alla media di costo italiana. Si va dai 180 euro spesi ad Imperia e La Spezia ai 195 di Savona, che si rivela la provincia in cui è più costoso ottenere un attestato di prestazione energetica. Un dato che la proietta tra le città più care d’Italia: guardando ai capoluoghi di regione, infatti soltanto a Trento un attestato costa ancora di più (220 euro), mentre a Milano se ne spendono 165, a Roma 145, a Torino 135 e a Napoli solo 120.

L’attestato, che ha una validità decennale, deve essere sempre accompagnato dal libretto di impianto e dal rapporto di controllo di efficienza. Può essere redatto da diverse figure professionali quali architetti, ingegneri, geometri e periti, ma anche laureati in scienze e tecnologie agrarie, forestali e ambientali, della chimica industriale, diplomati in meccanica o meccatronica, matematici, fisici o chimici (con corso di formazione).

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.