IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Trofeo Laigueglia, presentata la 55ª edizione: si passerà quattro volte a Colla Micheri fotogallery

La corsa è abbinata al Giro dell'Appennino, con la nascita del 1° Challenge Liguria

Laigueglia. È stata la Sala Trasparenza presso la sede della Regione Liguria a tenere a battesimo questa mattina l’edizione 2018 del Trofeo Laigueglia, corsa ciclistica di classe 1.HC che, domenica 11 febbraio, andrà in scena per la 55ª volta.

Trofeo Laigueglia: la presentazione in Regione

Nel corso della presentazione sono stati illustrati, oltre a tutti i dettagli della gara organizzata dal Comune di Laigueglia con il supporto tecnico del Gruppo Sportivo Emilia, i programmi delle iniziative collaterali che caratterizzeranno le giornate precedenti la gara, che contribuiranno a rendere l’avvenimento ancor più spettacolare e coinvolgente.

A fare gli onori di casa è stata Ilaria Cavo, assessore regionale allo sport. “La Regione Liguria – ha dichiarato – sostiene anche quest’anno il Trofeo Laigueglia, una manifestazione che ha dimostrato la sua importanza in ormai 55 anni di attività, affermandosi a livello nazionale e internazionale come primo grande appuntamento della stagione. Quest’anno per la prima volta la corsa è gemellata al Giro dell’Appennino, con la nascita del 1° Challenge Liguria, che andrà a chi avrà ottenuto il miglior piazzamento complessivo in entrambe le corse: due competizioni che rappresenteranno un unico momento di eccellenza sportiva per la nostra regione, in grado di coniugare la tradizione di uno sport come il ciclismo alla valorizzazione del territorio”.

Il Comune di Laigueglia era rappresentato dal presidente del consiglio comunale, Roberto Sasso, e dal consigliere con delega allo sport, Lino Bersani, che nel corso dei propri interventi hanno illustrato le novità tecniche dell’edizione 2018 del Trofeo Laigueglia e le iniziative collaterali.

Adriano Amici, presidente del GS Emilia che curerà tecnicamente la gara, si è soffermato sull’importanza del Trofeo Laigueglia ed è entrato nei dettagli dello spettacolare percorso di questa edizione.

Lo stretto connubio tra sport e turismo è stato sottolineato dal vicepresidente de I Borghi più belli d’Italia, Pier Achille Lanfranchi.

Il percorso ricalca quello delle ultime edizioni ma propone una novità fondamentale negli ultimi chilometri. Dopo le operazioni preliminari con il foglio firma e la presentazione degli atleti in piazza dei Pescatori e il via ufficioso da via Roma, la carovana raggiungerà le località di Albenga, Alassio e Ceriale per poi affrontare la prima asperità della giornata: quella di Onzo, preludio ad una parte di gara particolarmente interessante. Dopo aver toccato Ortovero e Villanova d’Albenga i corridori si dirigeranno verso il primo Gran Premio della Montagna della giornata, quello di Cima Paravenna, salita storica del Trofeo.

Dopo un primo passaggio in zona traguardo, a circa metà gara, si entrerà nel vivo con il Capo Mele e il Testico per poi entrare nel circuito conclusivo di 12,6 chilometri con le asperità di Capo Mele e Colla Micheri che sarà affrontata, ecco la novità, per quattro volte prima dell’arrivo.

Le 22 squadre iscritte: AG2R La Mondiale, Bardiani CSF, Androni Giocattoli Sedermec, Wilier Triestina – Selle Italia, Nippo – Vini Fantini – Europa Ovini, Nazionale Italia, Israel Cycling Academy, Team Fortuneo – Samsic, Aqua Blue Sport, Delko Marseille Provence KTM, Gazprom – Rusvelo, CCC Sprandi Polkowice, WB Aqua Protect Veranclassic, Veranda’s Willems – Crelan, Wanty – Groupe Gobert, Amore e Vita Prodir, Sangemini MGKvis Vega, Biesse Carrera Gavardo, D’Amico Utensilnord, MS Tina Focus, Vitus Pro Cycling, Team Voralberg.

Un grande evento, come le ultime 54 edizioni – spiega Roberto Sasso -. Questa sarà la cinquantacinquesima. Un evento che non è solo di grande sport, perché forse è l’evento di ciclismo più importante che abbiamo nella nostra regione, ma un volano, una promozione turistica e di tutta la regione, non solo il paese di Laigueglia o la provincia di Savona, in tutto il mondo. Abbiamo oltre cento Paesi che ci seguono, abbiamo un sito che fa quasi centomila visualizzazioni sul trofeo. Perciò è veramente un volano per promuovere il nostro fantastico territorio. Infatti grazie alle immagini che vengono trasmesse in Rai e in altre partnership della corsa si potrà vedere il nostro territorio non solo in Italia ma in più di cento Paesi e nel sito internet dove c’è un grande afflusso di curiosi da tutte le parti del mondo. Veramente una promozione non limitata al territorio di Laigueglia o al territorio della corsa che tocca i paesi limitrofi, ma a tutta la provincia di Savona e tutta la regione Liguria“.

Pensiamo di avere uno degli albi d’oro più belli d’Italia, perché al Trofeo Laigueglia siamo passati da Merckx ad Armstrong. Questa è la cinquantacinquesima edizione e speriamo che anche quest’anno vinca un grande campione che parteciperà in modo che sia ancora un volano più di promozione per il nostro territorio. Comunque il ciclismo è uno di quegli sport a costo zero, perché la gente lo può vedere liberamente sulle strade senza dover pagare né biglietti né ticket d’ingresso – conclude -, perciò ci fa piacere essere l’unico Comune d’Italia che promuove una manifestazione del genere”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.