IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pallare, Marco Prestipino e l’impresa salvezza: “Crediamoci” risultati

Il presidente valbormidese, deluso dall'inerzia negativa della squadra, ha chiamato Mauro Aprea in panchina, convinto che i suoi giocatori abbiano le carte in regola per fare il miracolo sportivo

Pallare. Pensieri, riflessioni e infine la decisione: Marco Prestipino, presidente del Pallare, penultimo nel campionato di Promozione A, ha optato per il cambio della guida tecnica, affidata ora a Mauro Aprea, in sostituzione sostituire Simone Adami.

Alcuni pensano che il cambio di mister, a dieci giornate dal termine del torneo, sia un segnale di resa incondizionata, altri che Aprea rappresenti il traghettatore verso la prossima stagione… ma c’è anche c’è chi ritiene che la ‘scossa’ che hai voluto dare alla squadra, togliendo ai giocatori alibi e demotivazioni, sia invece il segnale forte che la società Pallare, crede nella rimonta e nel miracolo sportivo…

“Abbiamo avuto più problemi di quelli che immaginavamo – esordisce Prestipino – Sono, quindi, arrivato a questa decisione, perché non mi stava bene l’inerzia negativa e la calma piatta, che si respirava intorno alla squadra e ho voluto, dopo attenta valutazione, dare una svolta a questo periodo negativo. E’ pur vero che non mi aspettavo di stazionare stabilmente nella parte sinistra della classifica, ma di poter fare più punti degli attuali… ero certo”.

Non siamo una squadra così mal messa, come può far pensare la classifica. Abbiamo avuto a che fare con infortuni e squalifiche (evitabili), che ci hanno pesantemente condizionato, poi, in verità, ci abbiamo messo del nostro, non facendo punti, con squadre alla nostra portata – continua Prestipino – ma adesso è arrivato il momento di far vedere quanto valiamo, per cui, con la dovuta umiltà, ma con altrettanta grinta, vediamo – per dirla ‘alla spagnola’ di compiere ‘la remuntada’”.

Mister Aprea ha avuto soltanto un allenamento a disposizione per conoscere la vostra realtà…

“La gara di Loano è difficile ma non impossibile e sappiamo tutti che, nel calcio, non c’è niente di scontato. Mi appello, dunque e per il momento, al senso di appartenenza dei giocatori, per uscire imbattuto dall’Ellena, poi arriverà il tempo di vedere la mano del nuovo mister, nelle restanti nove gare, che saranno, per noi, autentici spareggi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.