IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

M’illumino di meno, anche Spotorno si spegne per sensibilizzare sul risparmio energetico foto

Gli alunni dell'Istituto Comprensivo come segno concreto promuovono un vademecum sul risparmio energetico da consegnare in famiglia

Più informazioni su

Spotorno. Oggi torna M’illumino di Meno, l’iniziativa di sensibilizzazione sul risparmio energetico arrivato alla quattordicesima edizione. Anche il Comune di Spotorno e l’Istituto Comprensivo hanno aderito all’evento che, dal 2005, ogni anno, vede la trasmissione di Radio2, Caterpillar, chiedere ai suoi ascoltatori di spegnere tutte le luci che non sono proprio indispensabili alle 18 di un pomeriggio di febbraio.

“Un’iniziativa simbolica e concreta spegnere le luci e testimoniare il proprio interesse al futuro dell’umanità che è diventata subito molto partecipata: si spengono sempre le piazze italiane, i monumenti noti al grande pubblico – la Torre di Pisa, il Colosseo, l’Arena di Verona, i palazzi simbolo dell’Italia – Quirinale, Senato e Camera – e tante case dei cittadini. Si sono spenti per M’illumino di Meno la Torre Eiffel, il Foreign Office e la Ruota del Prater di Vienna. In decine di musei si organizzano visite guidate a bassa luminosità, nelle scuole si discute di efficienza energetica, in tanti ristoranti si cena a lume di candela, in piazza si fa osservazione astronomica approfittando della riduzione dell’inquinamento luminoso” spiegano dal Comune di Spotorno.

Dall’inizio di M’illumino di Meno, in 14 anni, il mondo è cambiato. L’efficienza energetica è diventata un tema economico rilevante e le lampadine ad incandescenza che Caterpillar invitava a cambiare con quelle a risparmio energetico, adesso, semplicemente, non esistono più. Tanti italiani oggi hanno sul tetto di casa i pannelli fotovoltaici e solari, cosa che 14 anni fa era quasi impensabile – osserva Gian Luca Giudice con la delega all’Educazione Ambientale del Comune di Spotorno -. La cura del pianeta è diventata sempre più impellente. Le sfide energetiche si rinnovano, così M’illumino di Meno si rinnova grazie alla partecipazione di centinaia di migliaia di sostenitori che si mettono in gioco in prima persona con azioni concrete, come gli alunni dell’Istituto Comprensivo”.

“L’Amministrazione simbolicamente spegnerà l’illuminazione notturna del giorno 23 febbraio di tre siti di interesse storico: il Castello Vescovile, la torre saracena in località Coreallo e la torre saracena in località Punta S. Antonio. Inoltre gli uffici pubblici, per partecipare fattivamente all’iniziativa Mi illumino di meno, spegneranno le luci dalle ore 12.00 alle ore 13.00 sempre di venerdì 23 febbraio. L’iniziativa è rivolta anche al cittadino, che può dare il suo contributo spegnendo l’illuminazione privata per un’ora. Quest’anno Caterpillar e Radio2 dedicano M’illumino di Meno alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. L’invito per il 23 febbraio 2018 è quindi spegnere le luci e andare a piedi: in questa quattordicesima edizione i promotori dell’iniziativa – Caterpillar,
vogliono simbolicamente raggiungere la Luna a piedi e sono 555 milioni di passi: occorre dunque il contributo di tutti. Camminate con noi per il risparmio energetico!” prosegue Giudice.

“Gli alunni dell’Istituto Comprensivo come segno concreto promuovono un vademecum sul risparmio energetico da consegnare in famiglia e i due plessi scolastici di Spotorno e Noli si incontreranno presso la palestra Sbravati di Spotorno dove il coro della scuola primaria di Spotorno si esibirà con canzoni a tema energetico e tutte le classi partecipanti della
scuola secondaria assembleranno un simbolico puzzle creato con del cartone riciclato. Ogni elemento del puzzle, quindi 9 in totale, sarà decorato in modo originale dagli alunni e conterrà sul retro un breve promemoria sulle azioni virtuose che ogni classe si impegnerà ad osservare” conclude Gian Luca Giudice consigliere con delega all’educazione ambientale, cultura e informatica.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.