IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Una residenza storica a Savona: Villa Cambiaso

Lo Zibaldone è la rubrica di curiosità di IVG: ogni mercoledì storia, cultura, aneddoti, riflessioni e scoperte della nostra provincia

Più informazioni su

Lo Zibaldone è la rubrica di IVG su storie, racconti, aneddoti e scorci culturali della nostra provincia, curata da Sara Sacco.
Storie… storie… quante storie da raccontare: alcune si scoprono casualmente, altre affiorano prepotenti durante appassionanti ricerche, e poi aneddoti, ispirazioni, pensieri e parole…

Nel cuore di Villapiana, quartiere di Savona, sorge lungo la trafficata via Torino una villa storica, muta testimone di fatti storici, iscritta nell’elenco dei beni monumentali italiani: è Villa Ferrero-Colonna-Cambiaso, conosciuta oggi semplicemente come Villa Cambiaso, un tempo residenza estiva di villeggiatura, poco lontana dal centro.

Benché costruita nel Quattrocento, la costruzione attuale ispirata all’edilizia residenziale genovese risale al 1655, ai tempi di Luca Spinola, con la parte frontale decorata con affreschi colorati che davano un tempo un forte impatto scenografico.

In passato la Villa è in parte danneggiata dal passaggio delle truppe guidate da Napoleone nel 1796 e, pochi anni dopo, nel 1806 diventa residenza obbligata temporanea di papa Pio VII che si raccoglieva in preghiera nella cappella gentilizia dedicata all’Assunta e posta al pian terreno.

villa cambiaso

Si rimane a bocca aperta ammirando il salone centrale, il ricco atrio con un camino d’epoca, le decorazioni realizzate dal pittore savonese Giuseppe Ferro, la fontana barocca donata nel 1822 da papa Pio VII in occasione del matrimonio tra Bianca Maria Caterina Colonna e Giovanni Battista Cambiaso, lo scalone monumentale che porta al piano nobile, il salone delle feste con decorazioni di Domenico Buscaglia, il giardino…

villa cambiaso

Danneggiata dall’alluvione del 1858 e dal terremoto del 1887, trasformata in caserma fino al 1924, la Villa viene restaurata e ospita, tra gli altri, Benito Mussolini in occasione di una cena di gala tenutasi al piano nobile del palazzo.

Non tutti sanno che… tra la fine del Ottocento e l’inizio del Novecento, la cappella dei marchesi Cambiaso veniva aperta al pubblico tutte le domeniche e i giorni festivi in modo che la popolazione (soprattutto di origine contadina) potesse parteciparvi.

Non tutti sanno che… come il muretto di Alassio, parte del muro perimetrale della Villa ospita variopinte ceramiche a soggetto vario realizzate da artisti più o meno noti.

villa cambiaso

Non tutti sanno che… acquistata nel 1986 dal “mecenate” nonché pittore, professore ed editore Pio Vintera, a seguito dei lavori di restauro, oggi la Villa è aperta al pubblico e ospita eventi come mostre internazionali, cerimonie, matrimoni, convegni, mercato dell’antiquariato e concerti.

Lo Zibaldone è la rubrica settimanale di IVG su storia e cultura savonese, in uscita ogni mercoledì: clicca qui per leggere tutti gli articoli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.