L'Albissola ritrova la vittoria: una rete di Piacentini vale i 3 punti col San Donato Tavarnelle - IVG.it
Al faraggiana

L’Albissola ritrova la vittoria: una rete di Piacentini vale i 3 punti col San Donato Tavarnellerisultati

Nel secondo tempo Caruso causa un calcio di rigore e poi si riscatta parandolo: sesta partita senza subire reti per la neopromossa

Albissola Marina. Concluso il girone di andata, tra alti e bassi, in una posizione di esatta metà classifica, l’Albissola era chiamata a ripartire al meglio, per poter vivere un ritorno senza dover temere il rischio di essere riassorbita nelle zone pericolose della graduatoria.

Ai Ceramisti la vittoria mancava dal 22 novembre; da quel giorno in poi avevano raccolto solamente 2 punti in quattro gare. Al ritorno in campo dalla breve sosta festiva, l’Albissola ha ritrovato il sorriso: con il giusto approccio alla gara ha regolato di misura il San Donato Tavarnelle. Non è stato facile, considerato che gli ospiti hanno avuto pure a disposizione un rigore per il possibile pareggio, ma alla fine la legge del Faraggiana è tornata a valere: per la matricola è il sesto successo in nove incontri casalinghi.

La partita. Fabio Fossati presenta i biancoazzurri con Caruso, Gulli, Corbelli, Sancinito, Calcagno, Gargiulo, Coccolo, Papi, Piacentini, Cargiolli, Cambiaso. A disposizione ci sono Vasoli, Pasquino, Durante, Boveri, Molinari, Olivieri, Bennati, Carballo, Siciliano. Lo schema è il 4-3-2-1.

Il San Donato Tavarnelle di mister Simone Marmorini gioca con Giusti, Manganelli, Colombini, Rinaldini, Regoli, Vecchiarelli, Di Vito, Favilli, Caciagli, Carradori, Giordani. Le riserve sono Ferrucci, Salvestroni, Cela, Pozzi, Picascia, Nuti, Di Renzone, Motti.

Dirige la partita Gabriele Restaldo della sezione di Ivrea, con la collaborazione di Francesco Tambone (Bologna) e Emanuele Barcella (Bergamo).

In avvio la partita vice lunghe fasi di studio, tra due squadre che si temono reciprocamente. Al 2° ci prova Cambiaso: a lato. Stessa sorte, poco dopo, per un tiro di Calcagno.

Al 13° viene ammonito Di Vito per un intervento falloso su Calcagno. Al 16° punizione dalla trequarti per gli ospiti: palla in mezzo, colpo di testa di Rinaldini facile preda per Giusti.

Al 24° l’Albissola sblocca il risultato: Piacentini ruba palla sulla trequarti, si presenta in area ma viene chiuso in angolo. Dalla bandierina mette in mezzo Sancinito, puntuale deviazione di testa di Piacentini e palla in rete.

Al 28° viene ammonito Papi. Il resto del primo tempo scorre senza altri sussulti: i padroni di casa controllano il vantaggio.

Nella ripresa i gialloblù rientrano in campo più determinati e spingono alla ricerca del pari. Marmorini presenta sul terreno di gioco Nuti e Cela al posto di Di Vito e Favilli.

Nel primo quarto d’ora i toscani premono e per lunghi tratti si gioca nella metà campo albissolese. Poi la squadra allenata da Fossati rialza il baricentro e la partita torna equilibrata. Entrano Durante e Carballo per Papi e Piacentini. Poi ancora un cambio per parte: tra i toscani esce Regoli ed entra Pozzi; tra i locali dentro Boveri per Cambiaso.

Al 26° Gulli recupera una respinta della difesa e calcia a rete: alto. Al 29° Caruso esce sui piedi di Giordani e commette fallo: ammonizione e calcio di rigore. Il portiere si riscatta immediatamente parando il rigore calciato dallo stesso Giordani.

Al 31° conclusione di Cargiolli: palla sul fondo. Altre sostituzioni: Di Renzone per Corradori, Picascia per Manganelli; nell’Albissola entra Siciliano per Cargiolli. Il San Donato prova fino alla fine ad evitare la sconfitta, ma i Ceramisti fanno buona guardia e mantengono inviolata la propria porta per la sesta volta in diciotto gare.

Ora l’Albissola è solitaria in nona posizione; domenica 14 gennaio giocherà sul difficile campo dell’Unione Sanremo, seconda in classifica e ormai avviata ad un testa a testa con il Ponsacco per la promozione in Serie C.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.