IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Regione finanzia 21 master universitari all’università di Genova con il fondo sociale europeo

Prevedono oltre 400 posti destinati a laureati nei corsi accademici triennali (master di 1° livello) e nel biennio di specializzazione (2° livello)

Regione Liguria finanzia 21 master universitari gratuiti di primo e secondo livello, finalizzati ad ampliare l’offerta di alta formazione nei settori strategici dell’economia regionale. Lo hanno annunciato questa mattina l’assessore alla formazione della Regione Liguria Ilaria Cavo insieme al prorettore vicario dell’ateneo genovese Enrico Giunchiglia e al Delegato del Rettore per l’apprendimento permanente, Mauro Palumbo.

Finanziati con 3 milioni di euro provenienti dal Fondo Sociale Europeo e completamente gratuiti, i master prevedono oltre 400 posti destinati a laureati nei corsi accademici triennali (master di 1° livello) e nel biennio di specializzazione (2° livello). Grazie alla collaborazione con enti pubblici e privati del territorio e al forte coinvolgimento del sistema produttivo, sono previsti stage in azienda anche all’estero e percorsi di accompagnamento al lavoro finalizzati alla creazione d’impresa e all’assunzione presso le 240 imprese ed enti coinvolti, che già adesso hanno mostrato interesse e disponibilità all’assunzione di più di 200 studenti.

“Con questi master andiamo a potenziare l’alta formazione proprio negli ambiti richiesti dal tessuto imprenditoriale ligure – ha commentato Cavo – Nel bando avevamo esplicitamente previsto un punteggio basato sulla percentuale di occupazione prevista, incentivando in questo modo l’ente formatore a co-progettare i percorsi formativi insieme alle aziende, non solo per l’organizzazione degli stage, ma soprattutto per rispondere ai fabbisogni di competenze espressi dal mercato”

“L’Ateneo è orgoglioso di poter mettere le proprie eccellenze nella didattica e nella ricerca a servizio dello sviluppo economico regionale e dell’occupabilità dei giovani laureati – ha dichiarato Giunchiglia – Lo stretto raccordo con il tessuto produttivo ed istituzionale ligure da cui nascono i master aiuterà a rendere ulteriormente sinergica l’alta formazione con le esigenze e le potenzialità del territorio. Sviluppo significa infatti non solo rispondere al bisogno di competenze della Liguria, ma anche anticipare i bisogni futuri, per accentuare la competitività dei nostri giovani e delle imprese in un mercato globalizzato”.

Tra tutti i progetti presentati in risposta al bando regionale, l’Università di Genova è risultata vincitrice di tutti i master finanziati, presentando un’offerta formativa nei settori strategici per lo sviluppo della Liguria, in stretto raccordo con le esigenze provenienti dal mondo del lavoro e delle professioni del territorio.

Gli ambiti disciplinari coinvolti afferiscono alle aree privilegiate dal Programma Nazionale della Ricerca 2015-2020 e spaziano dall’industria 4.0, al turismo, all’ICT e alla cyber security, alle tecnologie per la salute, la sicurezza e la disabilità, al design e made in Italy, alla valorizzazione del patrimonio culturale. In particolare sono tre i temi tutti “liguri” che rientrano nella Strategia di Specializzazione Intelligente regionale: tecnologie del mare (3 master), salute e scienze della vita (4 master) e sicurezza e qualità della vita nel territorio (8 master)

I bandi dei Master, firmati oggi dal Magnifico Rettore, saranno consultabili da lunedì 22 gennaio sul sito www.perform.unige.it.

In dettaglio, tra i master di primo livello figurano: riabilitazione domiciliare e a distanza supportata dalle tecnologie; riabilitatore disabilità visive; esperto in progettazione, conduzione e valutazione di interventi socio educativi e di inclusione lavorativa; management turistico e valorizzazione territoriale; assicurazioni marittime e dei trasporti (Masmet); imprenditorialità nel settore creativo per i beni culturali e in particolare per i siti Unesco.

Tra quelli di secondo livello: inquinamento, ambiente, salute; esperto in gestione dell’innovazione per tecnologie abilitanti Industria 4.0; Internet of Things and Big Data; esperto in progetto integrato del territorio: messa in sicurezza dal rischio idrogeologico, tutela del paesaggio e sviluppo locale sostenibile; Building information modelling (BIM) per l’approccio smart al processo edilizio; cyber-security and critical infrastructure protection; Systems Engineering for Maritime Technologies – Fortemare; management della trasformazione e qualità del prodotto ittico e agroalimentare; management of chemicals – Approccio integrato al Regolamento REACH ed altre normative europee sulle sostanze chimiche; biologo nutrizionista esperto in approcci integrati per la salute umana; psicologo per la presa in carico della famiglia con figlio autistico e l’organizzazione di percorsi psicoeducativi per adolescenti e adulti con Asd (autism spectrum disorder); ship agency management, finance and operations; responsabile di struttura per l’accoglienza di rifugiati richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale; esperto in meeting, incentives, conferences, exhibitions (MICE): progettazione, gestione e realizzazione di eventi aggregativi; scrittura creativa e progettazione di contenuti digitali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.