Gli scenari

Elezioni: Lega e FI puntano sulla giunta regionale, il Pd conferma gli uscenti, il M5S aspetta il verdetto di Rousseau

Molti i nomi sussurrati, ma le uniche certezze sono gli annunci sui social di chi, come Giampedrone, ha rinunciato a candidarsi

Elezioni amministrative Genova primo turno

Liguria. Occhi puntati a Pescara, da parte dei sostenitori del Movimento 5 stelle e degli osservatori politici, perché dal palco del Villaggio Rousseau il candidato premier, Luigi Di Maio renderà noti, oltre ai venti punti del programma, anche i candidati usciti dalle “Parlamentarie” che, al netto dei ricorsi, alcuni già annunciati, dovrebbero essere i nomi che parteciperanno alla competizione elettorale.

Intanto, nelle ultime ore, si stanno delineando anche gli scenari nei principali schieramenti politici per conquistare i 24 seggi, suddivisi tra Montecitorio e Palazzo Madama: 16 deputati alla Camera (10 con il sistema proporzionale, 6 con quello maggioritario) e 8 al Senato (5 con il sistema proporzionale e 3 con quello maggioritario). Intanto, a una settimana dalla presentazione delle liste, dai bene informati nei due schieramenti escono i primi nomi dati per sicuri.

Il centrodestra, a quanto pare, userà come serbatoio privilegiato la giunta regionale, con molti nomi dati in partenza da De Ferrari che, tra l’altro, aprirebbero a un “valzer delle poltrone” che non si vedeva da molti anni. Per la Lega si parla da tempo, ma non ci sono conferme ufficiali, della vicepresidente Sonia Viale, mentre sembra certa la candidatura dell’assessore allo sviluppo economico Edoardo Rixi, così come, dal Consiglio, dovrebbe presentarsi il presidente Francesco Bruzzone, che punterebbe al Senato. Anche Forza Italia punterebbe su due membri di giunta importanti: si parla dell’assessore alla cultura, Ilaria Cavo, e di quello all’urbanistica, Marco Scajola.

Le uniche certezze, però, arrivano da chi, in odore di candidatura, ha detto che non andrà a Roma e, per farlo, ha scelto un mezzo moderno come i social network. E’ l’assessore alla Protezione Civile, Giacomo Giampedrone: “Ringrazio di cuore tutta la coalizione per avermi proposto la possibilità di candidarmi alle prossime elezioni politiche, ma interrompere adesso il mio percorso in Regione per andare a Roma sarebbe come lasciare qualcosa a metà e con molto lavoro davanti da portare a termine”.

Guardando ai “lidi savonesi”, due sono i nomi del centrodestra che circolano con maggiore insistenza: Paolo Ripamonti, attuale assessore alla Sicurezza a Savona, e Marco Melgrati, annunciatissimo candidato sindaco ad Alassio. Quest’ultimo non ha ancora confermato nulla, ma ieri ha ammesso: “Sono a disposizione anche per le elezioni politiche. Fare il parlamentare e il sindaco non sarebbe un problema, ci sono precedenti”.

Dal Partito Democratico, per adesso, sono arrivate le conferme delle candidature del ministro della Difesa, Roberta Pinotti e di quello della giustizia Andrea Orlando. E dalla Regione sembrerebbe pronta a una candidatura come capolista Raffaella Paita, ma si parla anche di Pippo Rossetti. E poi l’ex vicesindaco di Albenga e parlamentare uscente Franco Vazio, oltre alla riconferma nei collegi dell’altra uscente Anna Giacobbe con Lorenzo Basso e Mario Tullo. Da Savona non arriva nulla di ufficiale, ma “radio elezioni” ripete sempre gli stessi nomi: Cristina Battaglia, Fulvio Briano, Luigi De Vincenzi e Monica Giuliano.

E poi Liberi e Uguali, che dovrebbe avere domani una risposta sulle 43 candidature che erano emerse nel corso dell’ultima assemblea regionale che si era tenuta al Cap di Genova. Una di quelle savonesi, l’ex presidente del consiglio comunale Marco Pozzo, è caduta proprio oggi con il politico che ha annunciato un passo indietro.

Restano Potere al Popolo, che sta raccogliendo le firme e ancora, in casa centrodestra, i “fittiani” di Noi con l’Italia. A questi si aggiungono anche molti altri partiti che stanno raccogliendo le firme per presentare le candidature.

Più informazioni
leggi anche
marco melgrati
L'indiscrezione
Melgrati non lascia ma raddoppia: candidato in Parlamento e come sindaco di Alassio
parlamento
4 marzo
Elezioni politiche, il savonese diviso in due collegi: un “bignami” in vista della campagna elettorale
m5s
Si vota!
Parlamentarie del M5S: i deputati savonesi uscenti ci riprovano, ma ci sono esclusi eccellenti
Franco Vazio Pd Albenga
Fermento
Elezioni 2018, ore decisive per il Pd: Renzi sceglie Franco Vazio come capolista
Edoardo Rixi e Matteo Salvini
Differenze...
Elezioni 2018, Rixi punge Forza Italia: “Noi candidati del territorio, loro paracadutati”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.