IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Controlli delle guardie WWF in fiumi e torrenti: rifiuti sul rio Arenon foto

Pronta una denuncia sulla situazione e rischi ambientali

Varazze. Prosegue l’attività di controllo della Guardie del WWF sul rispetto delle norme ambientali in materia idraulica ed ittica sul territorio savonese. Il WWF insieme alle guardie della FIPSAS stanno effettuando diversi controlli sui rii e torrenti della provincia savonese. L’ultimo controllo sul rio Arenon nel di Comune di Varazze.

Le guardie hanno effettuato un sopralluogo a piedi lungo il rio, a salire, in direzione della sovrastante discarica comunale della Ramognina, dove hanno notato sia lungo gli argini che nel letto del rio Arenon, la presenza di rifiuti composti da numerose parti di rifiuti sminuzzati in buona parte costituiti da materie plastiche.

Il materiale è presente in maniera sparsa a salire per alcune centinaia di metri. In alcuni punti i rifiuti affiorano dal terreno e sono ammucchiati insieme a del legname tagliato ed accatastato. Sono stati rinvenuti anche alcuni rifiuti quali pneumatici di autoveicoli specie nella parte sommitale di località Gambin.

rifiuti

“Il tratto interessato ricade all’interno della Zona Speciale di Conservazione ex S.I.C. denominato Beigua – M. Dente – Gargassa – Pavaglione. Si sottolinea il forte rischio che in caso di eventi alluvionali o di piogge abbondanti, i rifiuti vengano trasportati nel sottostante rio Portigliolo e poi in mare aperto. Il 95% dei rifiuti marini è costituito da materie plastiche che inquinano coste, superficie e fondali marini” dichiara Marco Piombo, responsabile delegato del WWF ligure.

“Ogni anno nel pianeta 8 milioni di tonnellate di soli materiali plastici finiscono in mare: questo vero e proprio ‘highlander’ naviga con 150 milioni di tonnellate sparse nei mari di tutto il mondo. Nelle nostre zone è preoccupante come sia diffuso l’abbandono di rifiuti a bordo delle strade, nelle scarpate delle vie di comunicazione, negli impluvi, rii e torrenti. Le conseguenze sono ben chiare: il tutto prima o poi finisce in mare”.

“Chiediamo ai cittadini di segnalare queste situazioni di degrado ambientale presenti sul territorio provinciale. Le guardie procederanno a segnalare la situazione in atto agli enti competenti” conclude il responsabile WWF.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.