IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ordinanza cani a Savona, Pd : “Inutile e grottesca, serve confronto con cittadini, commercianti e animalisti” fotogallery video

"Basta far rispettare il regolamento di convivenza civile già esistente, il sindaco ritiri il provvedimento"

Savona. Il Pd savonese all’attacco della giunta Caprioglio sulla nuova e contestata ordinanza per le deiezioni canine in centro città, che ha destato polemiche e prese di posizioni su più fronti e che divide i cittadini savonesi tra contrari e favorevoli al “duro provvedimento” varato dal sindaco.

“A Savona esiste un ottimo regolamento di convivenza civile che, tra le molte cose, prevede anche una serie di obblighi per i proprietari di cani” affermano congiuntamente il segretario del Pd Roberto Arboscello e il capogruppo Pd in Consiglio comunale Cristina Battaglia.

“Il tema del decoro urbano e della pulizia della città è fondamentale, non solamente in centro ma anche nei quartieri. Ma l’ordinanza emessa dalla sindaco è inutile, inapplicabile e per molti aspetti comica (obbligare a trascinare i cani giù dai marciapiedi, mettendosi sulla carreggiata destinata alle auto, mentre fanno i loro bisogni è come minimo surreale)”.

“Inoltre il sindaco intende estendere l’ordinanza a tutta la città. Noi chiediamo invece che la ritiri immediatamente, si impegni a far rispettare il regolamento esistente, sanzionando chi non rispetta le regole (che siano proprietari di cani o cittadini maleducati che gettano rifiuti per la strada) ma soprattutto inizi davvero ad occuparsi di garantire la pulizia della città”.

“Non è costringendo i proprietari di cani a lanciarsi giù da un marciapiede mentre Fido fa i suoi bisogni che si risolvono i problemi di una città sporca ed in molte zone in stato di abbandono”.

E i due esponenti Dem aggiungono: “L’unico obiettivo raggiunto da questa ordinanza è finire alla ribalta della cronaca nazionale: preferiremmo che Savona fosse citata sui tg per iniziative culturali e turistiche, per la promozione di eccellenze del territorio. E invece facciamo sorridere (o ridere) l’Italia per la cacca dei cani (ma ci eravamo già riusciti qualche settimana fa con il Mondiale degli esclusi…)”.

“Come sempre, se si vorrà lavorare al miglioramento della pulizia della città e del decoro, alla riorganizzazione del servizio, a progetti di educazione civica, noi ci saremo. Adesso partiamo dal regolamento esistente e cerchiamo di migliorarlo se possibile. Insieme alle associazioni animaliste, ai commercianti e a tutti i cittadini” concludono Arboscello e Battaglia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.