La Rari Nantes Savona resiste al ritorno del Catania: terzo successo consecutivo - IVG.it
Serie a1

La Rari Nantes Savona resiste al ritorno del Catania: terzo successo consecutivorisultati

In vantaggio 5 a 1, i biancorossi si ritrovano ad avere una sola rete di margine ma alla fine la spuntano per 8 a 6

 Rari Nantes Savona

Savona. Il Catania, ospite oggi alla Zanelli, era un avversario temuto. La matricola siciliana, infatti, ha allestito una squadra che potrà ben figurare; lo ha dimostrato pareggiando a Trieste e battendo il Bogliasco.

La formazione siciliana ha confermato le aspettative della vigilia, ma la Rari Nantes Savona è riuscita a superarla grazie ad un’ottima prestazione. I biancorossi, che sono stati avanti anche di 4 reti nel secondo tempo, hanno dovuto fare i conti con la rimonta degli ospiti, capaci di riportarsi sul meno 1 nell’ultima frazione. Ma alla fine i liguri sono riusciti a conquistare i 3 punti, vincendo 8 a 6.

La cronaca. La prima frazione è caratterizzata dalle incertezze e dagli errori in fase offensiva. Soro e Jurisic fanno buona guardia, le difese si dimostrano aggressive e attente: non si segna. La prima rete arriva a 3″ dal termine del primo tempo: la realizza Milakovic.

Nel secondo tempo, dopo soli 36″, pareggia i conti Sparacino in superiorità numerica. Immediata la replica biancorossa: passano 44″ e Ravina riporta in vantaggio i padroni di casa. A 2’17” va a bersaglio Damonte: 3 a 1 per il Savona, quattro segnature tutte con l’uomo in più.

I savonesi continuano a premere sull’acceleratore e segnano le prime due reti a uomini pari: portano le firme di Steardo a 3’08” e Damonte a 3’52”. Rari Nantes avanti 5 a 1 e successo quasi ipotecato. Kacar non ci sta e a 5’13” riporta gli etnei sul meno 3. Il secondo quarto, ricco di reti, vede Milakovic andare a segno su rigore e La Rosa siglare la terza rete ospite a 10″ da metà gara. Un finale di tempo che vede Angelini espulso per proteste.

Nel terzo tempo il margine di distacco si mantiene stabile: segna Damonte dopo 3’05” in superiorità, risponde Brian Torrisi a uomini pari.

Nell’ultimo quarto la partita si riapre. Dopo 52″ va a segno Privitera; trascorrono un paio di minuti e il numero 10 ospite si ripete. Due reti con l’uomo in più e Catania è in scia: 7 a 6. A scacciare i fantasmi ci pensa Steardo: il suo gol, a 1’13” dalla sirena, finalizza al meglio un’occasione di superiorità e scrive la parola fine sulle sorti dell’incontro. Per i siciliani, nel finale, è uno stillicidio di espulsioni; inoltre fioccano i cartellini all’indirizzo di entrambe le panchine.

Il vicepresidente e direttore sportivo della Rari Nantes Savona, Giuseppe Gervasio, commenta così la partita: “E’ stata una gran bella partita. Ottima prestazione della nostra squadra, resa difficile da un arbitraggio che ha fatto di tutto per riportare in partita il Catania. Per fortuna è andata bene”.

Il terzo successo consecutivo lancia i biancorossi in piena zona playoff: condividono la terza posizione con Sport Management ed Ortigia. Nel prossimo turno, mercoledì 22 novembre alle ore 14, il Savona sarà ospite proprio dei biancoverdi a Siracusa.

Il tabellino:
Rari Nantes Savona – Seleco Nuoto Catania 8-6
(Parziali: 1-0, 5-3, 1-1, 1-2)
Rari Nantes Savona: Soro, Delvecchio, Damonte 2, Steardo 2, L. Bianco, Ravina 1, Piombo, Milakovic 2, G. Bianco, Colombo, De Freitas Guimaraes, Teleki, Missiroli. All. Alberto Angelini.
Seleco Nuoto Catania: Jurisic, Lucas, B. Torrisi 1, La Rosa 1, Sparacino 1, Russo, G. Torrisi, Danilovic, Kacar 1, Privitera 2, Divkovic, Kovacic, Graziano. All. Giuseppe Dato.
Arbitri: Stefano Alfi (Napoli) e Antonio Pascucci (Maddaloni). Delegato Fin: Carlo Salino (Albisola Superiore).
Note. Usciti per tre falli: G. Torrisi a 3’48” dalla fine del quarto tempo. Alla fine del secondo tempo è stato prima ammonito e poi espulso per proteste Angelini. Nel quarto tempo espulso Danilovic a 5’05” dalla fine; ammonito Dato a 2’41” dalla fine, espulso Corsello, accompagnatore del Catania, a 2’41” dalla fine, espulsi Kadar, G. Bianco e Bocchino, accompagnatore del Savona, a 1’43” dalla fine. Superiorità numeriche: Savona 5 su 13 più 1 rigore segnato, Catania 4 su 13.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.