IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Blitz di Forza Nuova a Savona, solidarietà verso la Comunità musulmana e l’Anpi foto

Messaggi di vicinanza sono arrivati da Rifondazione Comunista e Aned

Savona. Dopo il blitz notturno di Forza Nuova contro la moschea di via Aglietto a Savona e la sede provinciale dell’Anpi, arrivano i primi messaggi di solidarietà verso i bersagli degli striscioni. A condannare il gesto sono il Partito della Rifondazione Comunista, ma anche l’Aned di Savona.

“Condanniamo con fermezza l’esposizione degli striscioni di matrice neofascista, volutamente provocatori, lasciati davanti alla sede della Comunità musulmana e alla sede provinciale dell’Anpi di Savona. Dopo la bella e riuscitissima manifestazione antifascista e antirazzista del 14 ottobre scorso, vari sono stati i commenti sbrigativi sul fatto che il fascismo non ci sia più da più di 70 anni. Questo volgare episodio savonese e i fatti di Ostia dimostrano quanto quei commenti fossero decisamente superficiali” dichiara Fabrizio Ferraro, Segretario Provinciale Rifondazione Comunista.

“L’attenzione e la vigilanza delle forze democratiche e antifasciste e della cittadinanza devono farsi più forti. Nessuno spazio deve essere concesso a chi fomenta odio, manifesta una certa ignoranza (dimostrata anche lessicalmente) e si rifà a un’ideologia che tanto male ha fatto a questo Paese. Esprimiamo quindi solidarietà all’Anpi e alla Comunità islamica di Savona, confermando che saremo al loro fianco per le prossime mobilitazioni. Siamo sicuri che non basterà questa stupida provocazione per fermare la comune difesa della nostra repubblica nata dalla Resistenza” conclude Ferraro.

Parole alle quali fanno eco quelle dell’Associazione degli ex deportati politici di Savona e Imperia: “Vogliamo riaffermare vicinanza e solidarietà a nome del Presidente Maria Bolla e di tutti gli iscritti all’Associazione, per il vile attacco avvenuto la la scorsa notte contro le sedi dell’Anpi e della Comunità Mussulmana Savonese, dove i fascisti di forza nuova e casa pound hanno imbrattato con scritte vili ed offensive”.

“I sopravvissuti ai Lager Nazisti, gli antifascisti perseguitati e i loro famigliari vogliono ribadire che Savona Città Medaglia d’Oro per la Resistenza, vuole essere una città aperta e cosmopolita e che non accetta e non accetterà mai nessuna provocazione di matrice squadrista, proprio per onorare i propri morti assassinati dal nazifascismo 73 anni fà. L’Aned ci tiene a ribadire l’articolo Art.8 della Costituzione nel quale si accenna a: ‘tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge’ e chiede a tutti gli antifascisti di non abbassare la guardia contro i rigurgiti eversivi neo fascisti, che continuano a rialzare la testa e a manifestare le proprie di odio e di violenza, che in un paese civile non possono essere tollerate. L’Aned che fa parte del Comitato Unitario Antifascista chiede una presa di posizione netta da parte delle Istituzioni , nel riaffermare i principi di democrazia e giustizia sociale e nel condannare con fermezza ogni tentativo eversivo come è avvenuto contro ANPI e gli amici della Comunità mussulmana” conclude il presidente dell’associazione Maria Bolla.

Anche il Partito della Rifondazione Comunista di Vado Ligure ha condannato duramente il blitz: “Venerdì notte i neofascisti di Forza nuova hanno appeso due striscioni, il primo per dire no all’islamizzazione dell’Italia appeso sulla porta della Moschea di via Aglietto e il secondo contro l’Anpi, nell’ingresso della sede provinciale di Piazza Martiri. Tutto ciò sta ad indicare che tutti abbiamo per anni sottovalutato il crescere dei movimenti neofascisti nel paese e anche nelle nostre città. I valori della solidarietà, del rispetto e della democrazia sono stati piegati ai bisogni del liberismo e l’antifascismo e l’eredità della Resistenza sono stati fatti passare per qualcosa di superato legato ad un passato da dimenticare”.

“C’è bisogno di un nuovo slancio ideale, di una Rivoluzione Culturale, di una Nuova Resistenza. Per questo invitiamo tutti i cittadini che si riconoscono ancora nei valori della Costituzione nata dalla Lotta di Liberazione a reagire e dimostrare tutta la propria solidarietà all’Anpi e a rifiutare ogni forma di razzismo. La pratica quotidiana contro l’odio per il diverso deve essere al centro del nostro agire. Il Circolo XXV Aprile del PRC di Vado Ligure e Quiliano esprime tutta la sua solidarietà all’Anpi e alla Comunità Islamica e si mette a disposizione di quanti vogliano iniziare a costruire un percorso culturale che porti a un recupero dei valori dell’antifascismo, dell’antirazzismo e alla piena applicazione della Costituzione figlia della Resistenza. Ora e sempre resistenza” concludono dal Prc vadese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.