IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, con lo spettacolo “Dei Pride” raccolti 5 mila euro a favore dello Sportello Antiviolenza foto

L'evento è stato voluto ed organizzato dallo Zonta di Alassio e Albenga insieme al Lions Club Albenga Host e al Rotary Albenga

Albenga. Ammontano ad oltre 5 mila euro i fondi raccolti dallo Sportello Antiviolenza Artemisia Gentileschi con lo spettacolo teatrale su “le donne di ieri e di oggi” andato in scena al teatro Ambra di Albenga dal titolo “Dei Pride” e portato in scena dalla compagnia “La Ronzante Gorgogliatrice”, che ne ha realizzato anche i testi. L’evento è stato voluto ed organizzato dallo Zonta di Alassio e Albenga insieme al Lions Club Albenga Host e al Rotary Albenga.

Un teatro Ambra gremito con circa quattrocento persone e tantissime offerte anche da parte di cittadini che sapevano già di non poter essere presenti: “Uno spettacolo divertente ed intelligente, introdotto da una performance del gruppo di ballo, su coreografia di Irene Ciravegna, della Thedancestudio. Le risate si son mescolate alle riflessioni. Un bel modo, leggero ma non stupido, di ricordarci che le debolezze umane non cambiano e non finiscono mai. La gente ha riso molto e gli attori, tutti non professionisti e per questo ancor più apprezzabili, hanno dato il meglio di sé caratterizzando le varie tipologie umane (incarnate negli Dei dell’Olimpo ma anche nella vita odierna) con precisione e humor”.

Alla presenza di numerose autorità albenganesi e alassine al termine i presidenti dei tre Club organizzatori hanno consegnato l’assegno di 5 mila euro alla presidente dello Sportello Antiviolenza, Laura Dagnino.

E a proposito della destinazione di questa cospicua raccolta la presidente dello Sportello Artemisia durante il pomeriggio ha sottolineato: “E importante la presenza di tutte queste persone perché possono portare testimoniare la presenza sul territorio di uno Sportello cui rivolgersi in anonimato e con la certezza di non essere giudicate ne consigliate male ma ascoltate; noi cerchiamo di aumentare la loro consapevolezza della propria situazione in un rapporto che deve essere cambiato perché malato. Questi fondi saranno utilizzati per un progetto locale per aiutare donne e minori vittime di violenza attuato con l’Arma dei Carabinieri di Albenga”.

Dei Pride Albenga

Ancora una volta lo Zonta Alassio-Albenga dimostra che non bastano le parole e solo nelle giornate dedicate ma con un po’ di impegno e il cuore di una città si possono anche fare azioni concrete di aiuto. Sandra Berriolo, presidente Zonta, dice: “Eravamo convinti della qualità dello spettacolo ma la gente ancora una volta ha dimostrato di avere un grande cuore, a prescindere dalle aspettative artistiche; ringraziamo anche le attività commerciali che ci hanno aiutato a fare promozione in anticipo, l’associazione ‘Tra le Torri’ che ha fatto una cospicua donazione e tutti coloro che che in qualche modo hanno collaborato a questo grande successo”.

“La ‘Rozante’ sta ricevendo numerosi complimenti per la bravura di esecuzione ma anche per la stesura del testo, un originale di Luisa Maurizio e Barbara Ferro; purtroppo non vorremmo mai raccogliere soldi per aiutare progetti a favore delle donne violate, maltrattate, non rispettate come esseri umani ma ci tocca ancora farlo; ed evidentemente la gente ci vuole aiutare perchè moltissimi hanno fatto una offerta pur senza venire all’Ambra allo spettacolo. La missione dello Zonta è quella di lavorare per migliorare la condizione delle donne a tutti i livelli e lo facciamo sia destinando proventi alla nostra Fondazione Internazionale per programmi in Niger, Madagascar, Nepal che con interventi di advocacy lottando contro le discriminazioni e sostenendo l’avanzamento dello status femminile sulla base dei diritti umani”.

Con lo spettacolo “Dei Pride” si evidenzia che “le donne sono più fortunate delle dee perché possono scegliere, nonostante le fragilità psicologiche e il tempo che ne segna il fisico, non essendo legate in eterno allo stereotipo loro assegnato”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.