IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I volontari della Croce prestano assistenza alla gara, per ringraziarli i partecipanti regalano loro 60 kg di pesce

E' accaduto ad Alassio: i militi della Croce Rossa di Ceriale hanno condiviso il dono con l'orfanotrofio Santo Natale e la RP delle suore Cappuccine di Loano

Alassio. Volevano ringraziare i volontari della Croce Rossa di Ceriale che questa mattina si erano resi disponibili a prestare assistenza ad una manifestazione sportiva nel porto Luca Ferrari di Alassio. E così i partecipanti hanno deciso di donare loro tutto il pescato, quasi 60 kg di pesce freschissimo. Un regalo inaspettato che i militi hanno condiviso con l’orfanotrofio Santo Natale di Ceriale il quale a sua volta, in una lunga catena di solidarietà, ne ha destinato una parte alla residenza protetta delle suore cappuccine di Loano.

I militi erano nel porto di Alassio per prestare assistenza ad una competizione di pesca, la gara provinciale 2017 di Traina Costiera, che si è svolta questa mattina dalle 6 alle 12 organizzata dalla A.p.s.d. Tuna Club Riviera dei Fiori. Al termine della gara, dopo la misurazione e pesa dei pesci e l’assegnazione dei premi e delle medaglie, il presidente dell’associazione, Alfredo Benzi, ha invitato i volontari ad unirsi al pranzo: “Non erano tenuti a farlo, ci ha fatto molto piacere” racconta Igor Bruzzone, un volontario della Croce Rossa.

Ma la vera sorpresa è arrivata subito dopo, quando tutti i partecipanti e l’organizzazione hanno deciso di donare l’intero pescato alla pubblica assistenza. “Siamo rimasti veramente a bocca aperta – spiega Bruzzone – si trattava di oltre 100 prede, per quasi 60 kg di pesce freschissimo. Dopo lo sbigottimento iniziale la domanda è stata: ‘Dove lo mettiamo tutto questo pesce? Un poco si pulisce e si surgela, un poco si fa una bella mangiata con tutti i volontari, ma il resto?”.

E così i militi hanno deciso di dividere tanta generosità con un orfanotrofio, l’istituto Santo Natale di Ceriale; il quale, a sua volta, ha deciso di destinare una parte del pesce ricevuto alla residenza protetta delle suore cappuccine di Loano. “Vogliamo ringraziare il signor Benzi e l’associazione Tuna Club Riviera dei Fiori per tanta generosità – è il commento del presidente della Cri di Ceriale, Pierluigi Ottenga – da una bella gara di pesca è scaturita tanta beneficenza”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.