IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pensioni, occupazione, sanità e contratti: i sindacati in presidio davanti alla prefettura fotogallery

Stella (Cgil): "Abbiamo bisogno di risposte dal governo"

Savona. Cambiare le pensioni, dare lavoro ai giovani, difendere l’occupazione, garantire a tutti una sanità efficiente, rinnovare i contratti a partire da quelli pubblici. Sono queste le richieste avanzate al governo da Cgil, Cisl e Uil, che per la giornata di oggi hanno organizzato presidi e manifestazioni davanti a tutte le prefetture del paese.

Varie 14

L’iniziativa, come detto, è stata indetta a livello nazionale a sostegno dei tavoli di trattativa in corso con il Governo e riguardante la Legge di Stabilità. In particolare, Cgil, Cisl, Uil rivendic­ano: più risorse sia per l’occupazione giovanile sia per gli ammortizzatori soci­ali; il congelamento dell’innalzamento automatico dell’età pensionabile legato all’aspettativa di vi­ta; un meccanismo che consenta di costru­ire pensioni dignito­se per i giovani che svolgono lavori dis­continui; una riduzi­one dei requisiti co­ntributivi per l’acc­esso alla pensione delle donne con figli o impegnate in lav­ori di cura; l’adegu­amento delle pensioni in essere; la piena copertura finanzia­ria per il rinnovo e la rapida e positiva conclusione dei co­ntratti del pubblico impiego; risorse ag­giuntive per la sani­tà ed il finanziamen­to adeguato per la non autosufficienza.

“Una legge di bilancio che voglia avere il carattere dell’equ­ità e dello sviluppo deve tenere conto di tali richieste che Cgil, Cisl, Uil han­no avanzato ai tavoli di confronto”, dicono le segreterie dei tre sindacati.

Un presidio si è tenuto, ovviamente, anche davanti al palazzo del governo di piazza Saffi a Savona: “In questa giornata – spiega il segretario provinciale della Cgil Giulia Stella – i tre sindacati confederali sono uniti sugli argomenti all’ordine del giorno nel confronto col governo. In una fase di ripresa come questa (almeno a detta del governo) noi dobbiamo assolutamente centrare i grandi temi: l’adeguamento della previdenza rispetto all’allungamento dell’aspettativa di vita e la creazione di un futuro previdenziale per i giovani, specie a fronte delle tipologie contrattuali ormai così diverse e che non danno una tutela previdenziale e in cui c’è ancora un grave periodo di crisi che non permette di avere una carriera continua”.

Ma non solo: “C’è poi il problema legato ai servizi sanitari: nel documento di programmazione economica e finanziaria troviamo una diminuzione delle risorse a disposizione della sanità. La gente rinuncia a curarsi. I pensionati, le giovani famiglie hanno difficoltà a sostenere le spese e a garantire a sé stessi e ai propri figli una salute certa così come previsto dalla Costituzione. E poi c’è la questione dei contratti dei pubblici, fermi ormai da molti anni e per i quali bisogna trovare una via d’uscita”.

“Abbiamo bisogno di risposte dal governo. Siamo davanti al palazzo del governo di Savona per sollecitare tutte le prefetture a farsi parte attiva in questa situazione. I sindacati hanno sempre dimostrato responsabilità: ancora oggi Cgil, Cisl e Uil uniti chiedono tante risposte per il nostro paese”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.