Grido di dolore

Lite in piazza del Popolo a Savona, il barista: “Siamo stufi, non abbiamo più neanche i bagni”

Il titolare Marco Nicosia racconta: "Senza toilette ho perso molti clienti, e qui gli episodi spiacevoli ormai sono davvero tanti..."

bagno piazza del popolo

Savona. “Siamo abbandonati. Ormai gli episodi spiacevoli in piazza del Popolo non si contano. Il bagno pubblico è chiuso ormai dal novembre 2016. E io ho perso molti clienti, sia del mercato settimanale che croceristi”. E’ il grido di dolore di Marco Nicosia, giovane gestore del bar “Baretto” di piazza del Popolo, a poche ore dall’ennesimo intervento delle forze dell’ordine intervenute per sedare una lite scoppiata in mattinata.

Nei pressi del locale di fronte, infatti, il “Chiosco” gestito dal fratello Ernesto, un uomo è arrivato a minacciare con un coltello i vigili urbani dopo che questi ultimi erano intervenuti per un litigio tra la compagna dell’uomo e le volontarie di Custodes Terrae che stavano consegnando loro generi di prima necessità (clicca qui per l’articolo). Una pessima pubblicità, l’ennesima, per gli incolpevoli gestori del bar (la lite non è avvenuta tra avventori, ed il locale è stato coinvolto solo in quanto punto di distribuzione dei pacchi per i bisognosi). I Nicosia rivelano di essere ormai allo stremo: “Mi rendo conto che la polizia è lì, ma riuscirebbe mica per favore a inquadrarla in modo che non si veda il bar? – arriva a chiedere Marco al cronista nella sua disperazione – Sa, per noi è un danno, già questa zona ha una brutta fama, rischiamo che la gente venga sempre meno…”.

bagno piazza del popolo

Ad aggravare la situazione, già critica, c’è la decisione del Comune, ormai quasi un anno fa, di chiudere i bagni pubblici della piazza, lasciando di fatto i due bar senza servizi igienici. “Ci siamo arrangiati con un bagno chimico, che ci costa 165 euro al mese – spiega Nicosia – ma non può certo sostituire un servizio igienico vero. E poi molti stranieri senza dimora, da quando la toilette pubblica è chiusa, urinano fuori dai cancelli…”.

bagno piazza del popolo

Un problema non da poco (“e che mi ha fatto perdere molti clienti” spiega Marco), che non sembra risolvibile in tempi brevi. “Il Comune mi ha spiegato che tenere aperto quella toilette pubblica gli costava 21.000 euro, e c’erano anche dei lavori di manutenzione da fare. Così, visti i problemi economici, si è decisa la chiusura a tempo indeterminato. Mi sono anche offerto di finanziare personalmente il ripristino dei bagni, ma non ho avuto riscontri”. E intanto quel cartello con scritto “gabinetto” resta lì, penzoloni, simbolo di una trascuratezza che sta affossando uno dei punti più belli della città.

leggi anche
polizia municipale piazza del popolo
Episodio movimentato
Volontaria aggredita in piazza del Popolo a Savona e vigili minacciati con un coltello: un arresto
polizia municipale piazza del popolo
Day after
Savona, torna libero il 49enne arrestato per l’aggressione ai vigili in piazza del Popolo
clochard piazza del popolo
Colto sul fatto
Savona, clochard fa i bisogni in piazza del Popolo: multa e Daspo urbano

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.