Certificazione delle piante ornamentali, incontro al Cersaa di Albenga - IVG.it
Focus

Certificazione delle piante ornamentali, incontro al Cersaa di Albenga

La piana di Albenga rappresenta circa il 25% dell’intera produzione nazionale

Albenga. Si terrà il prossimo 30 ottobre, a partire dalle ore 17.00, presso il Centro di Sperimentazione ed Assistenza Agricola in Regione Rollo ad Albenga, l’incontro con al centro la certificazione delle piante ornamentali, uno dei fiori all’occhiello della produzione della piana albenganese.

L’incontro è rivolto in modo particolare ai produttori di piante aromatiche, testimoni del crescente interesse del mercato per questa particolare gamma di prodotti ornamentali.

Il presidente del Centro di Sperimentazione e Assistenza Agricola Antonio Fasolo introdurrà i lavori soffermandosi sul significato e l’importanza delle certificazioni di prodotti nel settore agricolo, mentre Luca Demichelis, presidente del Distretto Florovivaistico della Liguria, si soffermerà su criticità e opportunità del settore delle piante aromatiche in vaso, per le quali la piana di Albenga rappresenta circa il 25% dell’intera produzione nazionale.

Raymond Scheepens, responsabile commerciale MPS, introdurrà l’argomento descrivendo come le organizzazioni di vendita quali supermercati e mercati del “fai da te” richiedano sempre più spesso solide garanzie di sicurezza alimentare. Antonio Fracassi, coordinatore in Italia di MPS, presenterà le caratteristiche del percorso certificativo MPS Fruit & Vegetables affiancandole ad alcune riflessioni scaturite dalle segnalazioni ricevute da diversi produttori in merito alle frequenti e pressanti limitazioni d’impiego ricevute dai loro clienti in merito soprattutto ai prodotti non selettivi per le api (es. neo-nicotinoidi) o ritenuti troppo inquinanti (es. glifosate). Va da sé che non sempre tali prescrizioni sono fondate su solide motivazioni tecnicoscientifiche e talvolta risultano in contrasto con le autorizzazioni all’impiego dei fitofarmaci oggetto di vigilanza da parte dell’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) ed ai basilari criteri di difesa fitosanitaria integrata.

Lo schema MPS-Fruit & Vegetable si propone pertanto come una risposta alla domanda generica di sostenibilità, trasparenza e igiene alimentare espressa dai consumatori, proponendo uno standard unico, completo ed affidabile. Il regolamento prevede l’integrazione di ben tre schemi di certificazione e l’applicazione all’intero ciclo di coltivazione dei migliori principi di eco-compatibilità (MPS ABC) e degli standard europei di buona pratica agricola (GlobalGAP), nel rispetto della normativa vigente sulle autorizzazioni per l’impiego di prodotti fitosanitari e di sicurezza alimentare.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.